Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 20 ott – A Milano c’è l’allarme smog. E il sindaco Beppe Sala che fa? In attesa di trovare una soluzione al problema immigrazione il primo cittadino si è buttato a capofitto nel problema. Soluzione: chiude al traffico l’area C a tutte le auto diesel da 0 ad euro 4 a quei cittadini che le hanno a suo tempo superpagate, e che ora vengono discriminati rispetto a coloro che hanno acquistato le nuove e ancora più costose auto diesel con filtri antiparticolato euro 5 od euro 6. Non un intervento risolutivo. Ma non basta. L’astuto sindaco milanese ha lasciato libero transito nel centro della città alle migliaia di moto e motorini che inquinano più e peggio delle auto diesel vietate.



La consigliera regionale lombarda Maria Teresa Baldini bacchetta il primo cittadino e lo invita ad estendere, semmai il divieto anche ai centauri che vagano indisturbati e spesso senza rispettare il codice della strada in tutta Milano: “Mi domando perchè – dice la consigliera lombarda – non siano stati presi provvedimenti nei confronti di moto e motorini, che oltre ad essere troppo spesso parcheggiati sui marciapiedi, sono fonte di inquinamento e tra l’altro sono i più utilizzati per entrare in area C visto che possono entrarci senza pagare alcun ticket come invece avviene per le autovetture”.

Black Brain

Che la questione sia pertinente lo dimostrano i numeri: ogni giorno transitano in area C mediamente 60mila scooter al giorno, con un inquinamento forse più elevato, in proporzione al numero, delle autovetture diesel. Del resto la gran parte dei modelli di moto e motorini che girano in città sono datati e quindi molto inquinanti. Se dunque è giusto adottare provvedimenti per limitare il numero dei veicoli potenzialmente inquinanti, non è affatto giusto fare discriminazioni fra categorie di cittadini dividendoli in privilegiati di serie A e altri di serie B, o meglio in serie C, visto che è proprio questa l’area che si vieta.

“Le moto non sono affatto meno inquinanti delle auto” dice Maria Teresa Baldini che oltre ad essere consigliera regionale è anche medico. E forse ha qualche titolo in più del sindaco Beppe Sala per giudicare chi può o non può entrare in area C. Per quanto riguarda soluzioni strutturali per combattere l’inquinamento non sono all’orizzonte. Varrebbe la pena di fare qualche inserzione sui giornali con un appello: nuovo Sindaco cercasi … (astenersi ex manager, politici improvvisati, carrieristi e incompetenti).

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Io Sala l’ho conosciuto.
    Non è cattivo è che è proprio stupido!
    Oltre ad avere, come si denota, una gran faccia da pirla.

Commenta