Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 ago – Gli ebrei osservanti che non desiderano trovare contenuti sconvenienti o diseducativi hanno a disposizione un nuovo servizio di streaming che consente loro di saltare le parti volgari. Ecco quindi Tov, soprannominato il «Netflix kosher» dal quotidiano israeliano Haaret z, rivolto agli ebrei ortodossi che seguono le leggi religiose più tradizionaliste.

Gli spettatori possono scegliere il proprio livello di censura: si parte dal semplice avviso che può appare poco prima di una scena giudicata immorale, che consente allo spettatore di premere un pulsante e saltare direttamente alla parte successiva, a spettacoli in cui alcuni contenuti sono stati precedentemente cancellati. Alcune serie televisive o film sono tabù, come ad esempio Game of Thrones. Il servizio, che ha richiesto due anni di preparazione, è nato da un’idea dell’uomo d’affari israeliano Israel Zeira. Secondo Haaretz, Zeira ha già investito oltre 790.000 sterline (1 milione di dollari) nel progetto e ha un potenziale bacino d’utenza, solo in Israele, di quasi mezzo milione di utilizzatori. Tov dispone già di una libreria che ad oggi conta 170 titoli, «tra i quali film e serie tv di ogni genere, già disponibili in streaming».

«Non possiamo vivere nell’illusione che il televisore non esista», ha dichiarato il rabbino Rav Yona Goodman al giornale Olam Katan. «Dobbiamo piuttosto ridimensionare il modo di guardare i contenuti televisivi, non dando per scontato tutto ciò che ci viene proposto e che viene proposto ai nostri figli», spiega. «Possiamo stare ore a domandarci se il nostro servizio risolva effettivamente un problema esistente o se ne generi uno nuovo», afferma invece Gideon Avraham, dirigente di Tov tv. «Il nostro servizio non ha assolutamente la pretesa di educare all’ortodossia o sostituire lo studio del Talmud. Il nostro unico scopo è quello di offrire un servizio che garantisca ad ogni genitore che abbia a cuore l’educazione dei propri figli, dei contenuti televisivi di altissima qualità».

Cristina Gauri

3 Commenti

  1. Certo, invece ai figli dei bianchi e cristiani va bombardato il cervello con i contenuti immorali e spazzatura che trasmettono…

Commenta