Il Primato Nazionale mensile in edicola

gascoigne gazza compleannoLondra, 27 mag – Gateshead è un’anonima cittadina di quasi ottantamila abitanti nel nord-est dell’Inghilterra, descritta come grigia e priva di particolare interesse. Proprio in mezzo a questo ambiente grigio nasceva il cinquant’anni fa Paul Gascoigne, o più semplicemente Gazza.

Talento del calcio già dalla culla, era solito essere scartato dagli addetti ai lavori poiché quasi sempre in sovrappeso. L’instabilità famigliare non lo ha certo aiutato a crescere normalmente tanto da mostrare subito problemi comportamentali. Eppure con un pallone fra i piedi era veramente un fenomeno e riesce ad arrivare in Premier League con Newcastle e Tottenham per poi sbarcare a Roma, sponda Lazio. Non disdegnava nemmeno la nazionale inglese: celebre il suo pianto sconsolato dopo la sconfitta con la Germania Ovest.

Gazza non era solo talento calcistico, ma pura follia, quel genere di pazzia che ti porta a diventare un vero e proprio idolo dei tifosi delle squadre in cui si ha militato e di tutti gli altri. I suoi comportamenti irriverenti non passavano certo inosservati: un vero e proprio genio del male di cui, però, oggi rimane solo un uomo trasfigurato dall’uso sregolato- drammatica coerenza con sé stesso, purtroppo- di alcool e droghe.

Non sappiamo come e se celebrerà il compleanno numero cinquanta il grande Gazza Gascoigne, rimasto senza nulla e diventato, de facto, un senza tetto. Ma gli auguri, sia per il suo compleanno che per la partita, molto dura, che sta giocando ormai da qualche anno, sono più che dovuti.

Giacomo Bianchini

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta