Roma, 18 feb – Scintille legali tra gli ex coniugi Brad Pitt e Angelina Jolie, riportati da Adnkronos.

Vigneto venduto senza permesso, Pitt cita la Jolie

Il motivo per cui Brad Pitt ha citato la sua ex moglie Angelina Jolie è la vendita di una quota di partecipazione di un vigneto francese, lo Cheateau Miraval, senza consenso. Il vigneto era stato acquistato dai due, insieme, nel lontano 2008, per una spesa di circa 25 milioni di euro. Nello stesso luogo, i due si sarebbero sposati nel 2014. Per Pitt, la Jolie avrebbe ceduto la sua parte di proprietà localizzata nel sud-est della Francia, senza il suo consenso, rivendicando un precedente accordo secondo il quale esso sarebbe dovuto essere necessario.

Il vigneto di Chateau Miraval

Chateau Miraval comprende una casa e il vigneto sito nel villaggio di Correns. Un luogo che “”si era trasformato nella passione di Pitt”, afferma il legale dell’attore. Pitt lo aveva gestito in modo molto attento, facendolo diventare una “storia di successo internazionale multimilionaria” portandolo a diventare “una delle aziende di produzione di vino rosato più apprezzate al mondo”.

La quota della ex moglie invece sarebbe andata al produttore di alcoolici russo Yuri Shefler, secondo il legale “a insaputa del suo assistito. Ha venduto la sua partecipazione con la consapevolezza e l’intenzione che Shefler e le sue affiliate avrebbero cercato di controllare l’attività a cui Pitt si era dedicato e di minare il suo investimento in Miraval”, per provocare “danni gratuiti” all’attore che aveva “investito denaro e fatica nel settore del vino”. La Jolie, al momento, non ha rilasciato dichiarazioni.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. A Brad, ma cosa ti aspettavi da una “politically correct” che si è fatta asportare i seni SANI per paura di un futuro potenziale cancro al seno?Si sarà fatta levare pure il cervello per un futuro potenziale tumore cerebrale?
    Nemmno da rifugiato in campagna sei potuto rimanere in pace.

Commenta