Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 14 nov – “Sono sbalordito e molto incazzato che un fascista come Salvini si sia messo a cantare la mia Albachiara“. Così Vasco Rossi, dopo che ha saputo che, durante la registrazione del Maurizio Costanzo Show, il ministro dell’Interno ha impugnato il microfono e, accompagnato dalla band, ha intonato con trasporto la celebre canzone. La performance tra l’altro ha conquistato il pubblico presente in studio.
Peccato però che il commento del rocker di Zocca, riportato pavlovianamente (dato il tema) da diverse testate giornalistiche (Huffington Post in testa), fosse una bufala. Come si è affrettata a chiarare l’addetta stampa di Vasco, Tania Sachs.
“Sono sbalordito e molto incazzato che un fascista come Salvini si sia messo a cantare la mia Albachiara. Non credo che sia molto adatta al massimo rappresentante di quello che vedo come uno Stato di polizia. La prossima volta canti pezzi dei fascisti rock Legittima Offesa e Gesta Bellica“. Questo il testo integrale del falso commento.
Il sospetto che fosse una fake news in effetti poteva venire, visto che è abbastanza improbabile che l’autore di Albachiara conosca i nomi di band di riferimento della destra radicale.

Adolfo Spezzaferro





La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta