Il Primato Nazionale mensile in edicola

Serie AUna tendenza già palesata negli scorsi anni e che adesso sembrerebbe essere diventata strutturale, quindi piuttosto definitiva. Il campionato di calcio di Serie A sta perdendo un po’ di interesse e sta diventando meno competitivo.
Lontani i tempi nei quali la nostra massima serie era il torneo calcistico più ambito d’Europa, e forse anche del mondo, che ospitava i principali campioni da ogni parte del globo. Oggi non è più così.
Buona parte di questo calo è dovuta, come sempre, all’aspetto economico; la Serie A non è più il campionato più ricco, e questo già da anni. Ma più si va avanti e più sembra perdere di competitività rispetto ad altri lidi.
Impensabile oggi poter competere con realtà come quella inglese, spagnola, tedesca; ma finanche con mercati emergenti che stanno sbaragliando la concorrenza a colpi di milioni di euro (si veda la nuova realtà cinese).
Tutto questo si traduce in minor qualità del nostro campionato; che porta conseguentemente ad un minor appeal. Ma il campionato italiano è ormai in caduta libera anche per quanto riguarda la competitività. E ciò si ripercuote direttamente sul settore delle scommesse.
Basta consultare uno siti specializzati relativi ai pronostici serie a per vedere come le quote legate al nostro campionato siano ormai piuttosto scontate.
Ma d’altro canto ad essere scontato è il campionato stesso in ogni suo aspetto: dalla conquista dello scudetto, che ormai da anni è appannaggio esclusivo della Juventus, con Roma e Napoli che tentano di fare il possibile ma senza andare mai realmente a mettere in dubbio lo strapotere bianconero; ai posti in Champions League, cui sono saldamente ancorate proprio i giallorossi ed i partenopei.



E se in passato era la lotta per la retrocessione a garantire un minimo di incertezza fino all’ultima giornata, quest’anno sembra essere cosa ormai decisa già da natale. Le 3 squadre sul fondo della classifica, Pescara Palermo e Crotone, non sembrano essere attrezzate per lottare per la salvezza fino alla fine. La distanza dalle altre è ormai netta.
La situazione raggiunta è quindi la seguente: lotta scudetto già chiusa (come ormai da 6 anni a questa parte); posti Champions che vedono due squadre molto favorite sulla altre; questione retrocessione quasi del tutto chiusa.
A fronte di ciò è evidente che il campionato italiano perda di interesse e che, anche in ambito scommesse, gli appassionati preferiscano rivolgersi ad altre piazze, più avvincenti ed incerte.



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta