Il Primato Nazionale mensile in edicola

Genova, 30 apr – Vittorio Sgarbi, nell’ambito di una lectio magistralis che si è tenuta a Camogli sul tema dell’iconografia della Madonna nell’arte, se l’è presa con i presidi colpevoli di togliere i crocifissi dalle aule di scuola.

“Li licenzierei subito e senza alcun dubbio non per motivi religiosi o di dottrina. Negare il presepe o il crocifisso in aula è negare la nostra cultura, la nostra identità e le nostre tradizioni” ha detto lo storico dell’arte. «A differenza ad esempio dell’Islam che non permette la rappresentazione della divinità ed arriva all’iconoclastia che abbiamo visto da parte dell’Isis” passa dunque a spiegare Vittorio Sgarbi “la rappresentazione del Divino fa parte della nostra cultura. E quindi negare la Croce o la Natività è contrastare le nostre stesse radici e la nostra storia». E si lascia andare ad un’ultima considerazione sull‘ignoranza dei presidi ad onta del loro ruolo “educativo”:  «Ignorano persino che quando dicono l’ora – sono le diciotto e trentacinque – in quel momento stesso dicono che misurano il tempo dopo Cristo. E, insieme a loro, tutto il mondo, cristiani e no».

Allo stesso tempo, a gennaio, Sgarbi se la prese anche con il rappresentante della Chiesa Cattolica, nientemeno che Papa Francesco: ospite alla trasmissione L’aria che tira di Myrta Merlino espresse chiare opinioni sul Pontefice,  “reo” a suo avviso di troppo buonismo e mancanza di veri intenti propositivi nei confronti dell’emergenza immigrazione contrapposti ad aspre critiche ai governi europei: “Lui che dice queste cose ce l’ha uno Stato? Si chiama Vaticano? Ci saranno 100.000 posti dove mettere alcuni migranti o il Papa non deve fare un ca..o perché si chiama Papa? Li accolga a casa sua” declamò.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Questi migranti stanno chiedendo troppo nei paesi dell’Europa. dove vengono accolti, rifucilati, sfamati e perfino un sussidio di € 40 circa al giorno e quant’altro. Si permettono pure di togliere come dice Sgarby i crocefissi nelle aule scolastiche. di questo passo penso che fra una decina o ventina di anni vorranno comandare pure il paese. Governandi….state attenti. Non sottovalutate queste che oggi sembra essere una sciocchezze.

Commenta