Roma, 17 nov – La donna in questione era sposata con un pupazzo. Per meglio dire, ha voluto a tutti i costi simulare un matrimonio con un pupazzo. La storia tragicomica avviene in Brasile.

Sposata con un pupazzo

Come ricorda Il Mattino, la “coppia” esiste dal dicembre 2021. Meirivone Rocha Moraes, 37 anni, non ne poteva più di stare sola. Al punto da perdere la testa. La madre, per qualche motivo oscuro, decide di “accontentarla” e di cucirle un pupazzo con cui stare insieme. Il bambolotto, ovviamente, ha un nome: Marcelo. La donna, completamente andata, organizza addirittura un matrimonio in grande stile che coinvolge oltre 250 invitati. Selfie e foto di ogni tipo, anche dei “due” a letto insieme, seppur vestiti. Delirio totale, ma quel che è peggio assecondato da tutte le persone intorno alla ragazza.

Il “tradimento”

La felicissima coppia “senza coppia” scoppia dopo meno di un anno, dopo aver costruito pure un figlio di pezza, ovvero Marcelinho. In un video su TikTok la donna parla del “tradimento” che ha portato alla fine del “matrimonio”. “L’ho scoperto tramite un’amica che mi ha detto di aver visto Marcelo entrare in un motel con un’altra donna mentre io ero ricoverata in ospedale con Marcelinho, nostro figlio, che aveva un virus”. Fa ridere e piangere il fatto che nell’articolo del Mattino si parli della questione come se fosse reale. “La loro relazione è appesa a un filo”, si legge. Per carità, potrebbe anche essere ironia, e c’è da sperarlo sul serio. Anche perché la donna parla di conversazioni dirette con il pupazzo: “All’inizio pensavo stesse mentendo, ma poi ho iniziato a guardare attraverso il suo telefono e ho visto le conversazioni, il che mi ha fatto capire che mi stava tradendo davvero. Ha continuato a negare tutto e ha detto che mi ama molto, oltre a chiedere perdono tra le lacrime”. In questo mondo si vede e si legge di tutto, ma questo è uno dei casi in cui la sensazione è che il limite sia stato oltrepassato davvero di tanto.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta