Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1 ago – L’ultimo a vincerla era stato Enrico Bombieri, ordinario della Normale di Pisa. Correva l’anno 1974 e, da allora, nessun altro italiano aveva più vinto la medaglia Fields, il più importante riconoscimento a livello internazionale per la matematica. Quest’anno, a quasi mezzo secolo di distanza, l’Italia torna protagonista: il prestigioso premio è stato infatti assegnato ad Alessio Figalli.
Romano, 34 anni e anch’egli con studi al prestigioso Ateneo toscano, Figalli insegna al Politecnico di Zurigo ed è stato premiato “per i suoi contributi al trasporto ottimale, alla teoria delle equazioni derivate parziali e alla probabilità”. L’annuncio è stato dato a Rio de Janeiro, dove centinaia di matematici di tutto il globo si riuniranno nel loro Congresso mondiale fino al prossimo 9 agosto.
Considerata l’equivalente del Nobel (che non contempla, per l’appunto, un premio alla matematica), la medaglia Fields è stata istituita nel 1936 e viene assegnata, ogni 4 anni, dall’Unione Matematica Internazionale. Figalli è il secondo italiano, dopo il già citato Bombieri, a vincerla.
“Questo premio mi dà tantissima gioia, è qualcosa di cosi grande che mi risulta difficile credere di averlo ricevuto”, annuncia entusiasta. Nonostante lavori all’estero, il matematico rifugge però l’autocommiserazione: “Io non sono andato via – spiega, intervistato da La Repubblica – perché l’Italia non mi ha voluto. Certo, l’Italia deve riuscire a dare a chi va all’estero le occasioni per poter ritornare con posizioni adeguate, cosa che al momento non succede. All’Italia sono comunque riconoscente perché mi ha formato. I matematici italiani sono di livello internazionale e questo è importante“.



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Benissimo e bravissimo,le sue ricerche sono brillanti, utili e interessanti, fosse rimasto in Italia a soffrire e a combattere come tanti altri sarebbe ancora più encomiabile……. giustamente a Zurigo non sono stupidi,loro si prendono i nostri matematici noi grazie ai piddini ci prendiamo la feccia africana analfabeta……..che bel paese.

Commenta