Roma, 31 mag – Il vaiolo delle scimmie “riattiva” Matteo Bassetti, che parla a lungo del virus come riportato da Tgcom24.

Vaiolo e Bassetti, ecco cosa ha detto il virologo

Dopo mesi di pausa dovuti sia alla fine della pandemia da covid che alla guerra in Ucraina, il vaiolo fa esprimere Bassetti così: “Rischiamo di passare ad una fase endemica del vaiolo delle scimmie, o addirittura epidemica”. L’infettivologo, in un video su Facebook, aggiunge: “Lunedì l’Inghilterra ha deciso alcune misure contro questa malattia, secondo me molto intelligenti”. E le misure inglesi non lasciano presagire niente di buono, pur nelle circostanze obiettivamente più “complicate” del coronavirus per generare una reale paralisi di massa.

Lo spettro dei lockdown

Qui il punto, la paura di tornare in una nuova era dei lockdown, dopo aver appena terminato la precedente. Infatti le “misure intelligenti” di cui parla Bassetti sono presto dette: nel Regno Unito le autorità sanitarie hanno “consigliato” ai malati di autoisolarsi per 21 giorni, offrendo pure un vaccino definito “sicur”o contro il vaiolo. E Bassetti commenta così: “Anche in questo caso gli inglesi dimostrano di essere avanti”.

Per il virologo “i casi certi di vaiolo delle scimmie devono essere isolati. O a casa, se stanno bene, o in strutture adeguate, se hanno problem. È molto importante che i contatti stretti facciano una quarantena fiduciaria, limitando le esposizioni con altre persone, soprattutto bambini, donne in gravidanza e immunodepressi. Poi bisogna vaccinare i contatti stretti o farlo in alcune situazioni”. La chiusura è inquietante: “Sono moltissimi i casi di vaiolo nel mondo, probabilmente sono molti di più di quelle diagnosticati, circa 500. Ma ciò che fa più paura è il numero di Paesi interessati: circa 25 nel mondo, ormai ha una diffusione globale”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta