Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 lug – Dopo Laura Pausini, Nek, Stefano Accorsi e molti altri vip anche Ornella Vanoni prende posizione sul caso Bibbiano e sull’inchiesta Angeli e Demoni e lo fa attraverso il suo profilo Twitter.

“I bambini non sono pupazzi”

“E’ mostruoso ciò che è accaduto a Bibbiano” scrive in un tweet l’interprete meneghina. “Questi bambini hanno perso l’infanzia, come tanti ormai nel mondo, e sono rovinati per sempre. Non sono pupazzi che si possono spostare da una famiglia all’altra”. Conclude quindi la Vanoni: “Queste persone dovrebbero andare in galera senza processo“.

 


Migliaia di condivisioni 

L’approccio della Vanoni sul caso è ovviamente “di pancia” e la sua richiesta di averne più informazioni è basata, tuttavia, su una difesa dei bambini e della loro crescita in senso tradizionale assolutamente condivisibile. Molti utenti condividono le sue parole: i retweet arrivano a 1.322 e i mi piace a 3.361. Qualche garantista dell’ultima ora puntualizza che in Italia esiste una giustizia che non permette l’immediato arresto ed incarcerazione sulla base di mere accuse: ma è evidente che lo sfogo della Vanoni è relativo ai sentimenti di profonda ingiustizia che questo scandalo suscita e non ad una effettiva invocazione della legge del taglione.

La carica dei Vip

La Vanoni inoltre è solo l’ultima dei vip che si sono schierati apertamente su quanto emerge dall’inchiesta Angeli e Demoni: c’è stato prima di lei Filippo Neviani in arte Nek, commentato positivamente e condiviso da Stefano Accorsi, Mietta e poi Laura Pausini che anche oggi ha rispedito al mittente qualunque accusa di strumentalizzazione e ribadito il suo genuino interesse di madre sulla faccenda. Ma, si sa, a sinistra pur di fare disinformazione cercano il pelo nell’uovo.

Ilaria Paoletti

1 commento

Commenta