Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 feb – Virginia Raggi annuncia trionfalmente attraverso il proprio profilo Facebook la nuova iniziativa “umanitaria” del Comune di Roma.
Nello stato condiviso dal sindaco cinquestelle si preannuncia una procedura atta al “reinserimento di tutte quelle persone che si trovino in una condizione di svantaggio sociale“. Tra queste persone, insieme a individui con disabilità o vittime di violenza, i famosi ex detenuti che verranno – ancora – “sfruttati” per la pulizia del verde pubblico e tout court delle strade della capitale.
Non solo: tra i requisiti richiesti alle società per “acquisire punti” ai  fini di accedere ai bandi c’è anche quello di dare la precedenza, come assunzioni, ai cosiddetti “rifugiati politici”, immigrati quindi che dovrebbero aver dimostrato l’effettiva “fuga” da un teatro di guerra (ma che molto più spesso si rivelano essere immigrati economici). In questo modo essi verranno equiparati ad esempio, a chi è stato costretto a subire violenza tra le mura domestiche e si ritrova a dover mantenere con le proprie sole forze una famiglia.

“Da un lato, questa misura consentirà di completare il percorso di reinserimento per gli ex detenuti che si sono formati e hanno iniziato a lavorare nel progetto “Mi Riscatto per Roma” portato avanti con il ministero della Giustizia per favorire il lavoro dei detenuti nella cura del verde pubblico“: già nel settembre 2018 la Raggi declamava con toni di vittoria come la sua gestione avesse “finalmente” iniziato a prendersi cura degli spazi verdi della città sbloccando i bandi per l’assegnazione dei lavori – anche se, in effetti, le società che hanno partecipato a tale iniziativa avevano consegnato le offerte già a giugno 2017.
Solo adesso a gennaio 2019, stanno iniziando i sopralluoghi delle aziende incaricate dal Comune per la pulizia e il recupero delle aiuole e degli alberi presenti sul territorio della municipalità capitolina. La situazione, detenuti o meno, è tutt’ora quindi allo sbando: la Raggi esulta, ancora una volta, per una vittoria di Pirro.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Per cui prima i negroidi e tutta la ex fecciaglia umanoide………poi i froci e le sodomite………poi i raccomandati ed i parassiti……….gli italiani muoiono di tasse e spese, hanno fame e sete, vengono trattati come sudditi e questa fenomena pensa agli immigrati?????……….. sinistra e presunta destra avevano ridotto Roma una cloaca a cielo aperto e pure un comodino sarebbe stato eletto………per cui la virginia ora le spara grosse per salvare una situazione ignobile ed una metropoli allo sbando,dove delinquenza rom e feccia italica rantolano di fronte alla mafia africana spacciatrice……..il totale, la somma di tale melma è un degrado insanabile ed impunito………..sulla magistratura meglio tacere………spero di morire prima di vedere l’arresto degli italiani bianchi e patrioti……… poiché a quello arriveremo.

Commenta