Per Maculopatia si intende qualsiasi malattia dell’occhio che colpisce la macula, l’area che si trova al centro della retina e che serve alla visione distinta centrale (anche per leggere questo testo, oltre che per riconoscere i volti, guidare, ecc.). La malattia è causa di irreversibile riduzione della funzione visiva, con perdita della visione centrale. Anche nei casi più gravi non provoca una cecità totale ma genera una macchia (scotoma) nel punto di fissazione, senza compromettere la visione periferica.

Cause della malattia

La degenerazione maculare legata all’età (AMD o DMLE) è attualmente considerata la prima causa di cecità nei Paesi di maggior benessere e la terza in assoluto. Un importante ruolo nello sviluppo di forme di degenerazione maculare senile è giocato dall’adozione di stili di vita poco sani. In particolare da un’alimentazione scorretta e dall’abuso di alcool e fumo, dalla sedentarietà e dall’esposizione eccessiva alle radiazioni solari. È anche stata dimostrata la familiarità genetica della malattia.

L’incidenza dell’AMD è rara prima dei 55 anni, ma significativa dopo i 75 anni. Per questo è importante, dopo i 50 anni, sottoporsi periodicamente a un controllo medico oculistico per l’esame del fondo oculare ed eventuali accertamenti per una diagnosi precisa.

I sintomi della Maculopatia

Tra i primi sintomi che accompagnano l’insorgenza della degenerazione maculare senile troviamo la distorsione delle immagini o il vedere una macchia nera nel campo visivo e la riduzione del contrasto cromatico, con esempi in diverse situazioni della vita quotidiana:

  • durante la lettura di libri, giornali, bugiardini delle medicine ci si possono perdere lettere o addirittura intere parole;
  • guidando al crepuscolo si può avere una sensazione di abbagliamento guardando i fari delle auto, i semafori o i lampioni;
  • camminando per la strada al calare del sole è possibile avere difficoltà nella percezione degli oggetti e dei contrasti nelle zone d’ombra;
  • incontrando persone familiari si può avere difficoltà a riconoscerne i volti

Prevenire

Fondamentale è la diagnosi precoce della degenerazione maculare senile, per cui è molto importante prestare attenzione all’eventuale manifestarsi dei sintomi menzionati sopra.

In Europa la forma umida può essere trattata con le iniezioni intravitreali che bloccano o rallentano l’avanzare della malattia, o con terapia fotodinamica, attuata mediante un tipo particolare di laser.

Uno stile di vita attivo, l’adozione di adeguate protezioni dai raggi solari e una corretta alimentazione ricca di antiossidanti, possono aiutare a rallentare e prevenire lo sviluppo della maculopatia.

Le soluzioni ottiche FONDA consigliate per la Maculopatia

FONDA Vision Health Technology dal 2012 sviluppa e produce tecnologie per il benessere visivo. L’azienda è inoltre certificata ISO 9001 e ISO 13485 e si occupa anche di formazione. Il trattamento delle varie sfaccettatura della vista fragile e dell’ipovisione, si sostanzia quindi sia nel servizio ai pazienti che nell’istruzione degli operatori sanitari.

Su www.fodavision.com/pathology/maculopatia/ troviamo tutti i dettagli e le caratteristiche della malattia, nonché delle ottime soluzioni ottiche FONDA consigliate appositamente per la Maculopatia. Come ad esempio le FONDA leddles, le lenti per leggere e scrivere; o le FONDA FiTmacula, per l’autonomia e la vita sociale, ottime al cinema, all’aperto o alla guida; o ancora le FONDA safe&sun, gli occhiali da sole ad alta protezione retinica.

E tante altre soluzioni per combattere la malattia.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Sono a conoscenza di casi (di entità a me sconosciuta), che hanno trovato parecchio beneficio grazie a semplici trattamenti esterni con acqua ozonizzata. Per chi ha bisogno, forse è il caso di documentarsi anche in questo senso.

Commenta