Roma, 23 gen – Pesanti scontri tra tifoserie a Pagani, in provincia di Salerno. Poco prima dell’inizio della partita tra Paganese e Casertana, derby ad alta tensione nel girone G del campionato di Serie D, un bus da 50 posti in cui viaggiavano i sostenitori della squadra ospite è stato dato alle fiamme. Le persone a bordo del pullman sono state fatte scendere rapidamente.

L’episodio scioccante è accaduto all’incrocio tra via San Domenico e via Leopardi, ma altri tafferugli si sono verificati lungo la strada che conduce allo stadio “Marcello Torre” di Pagani. Cinque in tutto le persone rimaste ferite, stando a quanto riferito da Caserta News.

Scontri tra ultras di Paganese e Casertana, la nota del Viminale

Il Viminale ha fatto sapere che procederà con massimo rigore nei confronti dei responsabili degli incidenti e verrà sviluppata anche una “approfondita riflessione circa i criteri con cui sarà, d’ora in avanti, consentito lo svolgimento di partite considerabili a rischio anche nelle serie minori”.

“Quanto accaduto nel pomeriggio di oggi a Pagani, poco prima dell’inizio della partita di calcio tra i padroni di casa e la Casertana – ha dichiarato il parlamentare casertano di Fratelli d’Italia, Gimmi Cangiano -, é a dir poco assurdo e senza alcuna logica. Dare alle fiamme un pullman e far diventare le strade di una città un campo di battaglia è qualcosa di gravissimo, soprattutto se si pensa che a partecipare alla manifestazione sportiva c’erano intere famiglie con bambini. Non è concepibile il comportamento di uno sparuto gruppo di persone, che con il loro insano modo di agire rischiano di trasformare una giornata di festa e di sport in una vera tragedia. Confidiamo nell’operato delle forze dell’ordine, affinché facciano chiarezza su quanto accaduto a Pagani e assicurino alla giustizia gli autori di reati così gravi”.

La Redazione

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta