Roma, 3 nov – Azioni sciocche, dannose e foriere di emulazioni pericolose. Difficile catalogare altrimenti i continui blitz di Just Stop Oil, gruppo di attivisti “per il clima” che nelle ultime settimane ha fatto molto parlare di sé. Ma la domanda da un milione di dollari è: qualcuno finanzia gli imbrattatori di quadri e opere d’arte? La risposta è sì. Tra i principali sostenitori di Just Stop Oil c’è Aileen Getty, nipote del celebre magnate del petrolio J. Paul Getty, che ha pure mostrato pubblicamente il suo sostegno alle azioni portate avanti dagli attivisti del gruppo in musei e gallerie d’arte. A evidenziare il ruolo dell’ereditiera milionaria è Le Monde, con un apposito articolo.

Aileen Getty, l’ereditiera del petrolio che finanzia Just Stop Oil (e non solo)

Come riportato dal quotidiano francese, Aileen Getty si dice “orgogliosa” di finanziare il Fondo per l’emergenza climatica, organizzazione che ha co-fondato nel 2019 e ha distribuito oltre 4 milioni di dollari a movimenti come Extinction Rebellion e Just Stop Oil. Consapevole che i suoi legami con l’industria petrolifera possono essere discutibili, già tre anni fa l’ereditiera liquidò così la questione: “Sto cercando di capirlo da sola. Voglio fare ciò che è giusto”.

Stando sempre a quanto ricostruito da Le Monde, la figura di Aileen Getty è rimasta a lungo in disparte rispetto al resto della sua famiglia, al contrario sempre al centro dell’attenzione mediatica. “Ha vissuto a lungo all’ombra degli uomini della sua famiglia. Se suo fratello minore, Mark, è noto per aver co-fondato l’agenzia fotografica Getty Images, è stato il suo primogenito, John Paul Getty III, a fare notizia nel 1973, rapito all’età di 16 anni dalla mafia calabrese. Il loro nonno, noto per esser tirchio, si rifiutò di pagare il riscatto di 17 milioni di dollari. I rapitori dovranno così rivedere le proprie pretese ma non mancheranno di far recapitare a un quotidiano italiano un orecchio mozzato dall’adolescente per forzare la mano per il pagamento del riscatto”.

Il nonno di Aileen, fondatore della Getty Oil Company, è stato più volte descritto come l’uomo più ricco del mondo negli anni Sessanta. I figli J. Paul Getty, otto anni dopo la morte del patriarca – avvenuta nel 1976 – voltarono pagina vendendo Getty Oil. Secondo la rivista Forbes, nel 2015 la loro ricchezza ammontava a 5,4 miliardi di dollari. Questo li rendeva, all’epoca, la 56esima famiglia americana più ricca.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta