Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 set – “Basta quarantena per un solo positivo in classe, meglio i tamponi“: la soluzione la propone Guido Bertolaso, coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia. Nel pieno del ritorno alla didattica a distanza a causa dei contagi a scuola (che strano, il green pass obbligatorio non è servito a niente…) l’ex capo della Protezione civile offre una sensata alternativa allo spedire tutti in Dad. Scenario peraltro che tutti volevano scongiurare – a partire dal ministro dell’Istruzione Bianchi e che invece si è puntualmente riproposto. Perché – è ovvio – il green pass obbligatorio per i prof non risolve il problema delle classi-pollaio e dei bus-pollaio.



Bertolaso: “Quarantena con Dad per un solo positivo in classe va rivista e corretta”

“La quarantena con Dad a tappeto per un solo positivo in classe è una misura che va rivista e corretta. I ragazzi devono andare a scuola. Si facciano tamponi anziché metterli tutti in quarantena, sempre in regioni dove la situazione è migliore: purtroppo oggi l’Italia da questo punto di vista non è tutta uguale”. Così Bertolaso in una intervista al Corriere della Sera. Occasione in cui ovviamente si fa i complimenti da solo per la campagna vaccinale in Lombardia: 82% di over 12 immunizzati e 88% con almeno una dose di vaccino. “Ci siamo arrivati con un grande gioco di squadra. Ai lombardi l’opportunità di vaccinarsi è sembrata la soluzione alle tragedie che hanno visto e vissuto più che in altre regioni. E noi, dopo i problemi iniziali, abbiamo messo in piedi una macchina da guerra che oggi funziona benissimo. E anche sulla terza dose, su 150mila immunocompromessi stiamo vedendo 700-800 prenotazioni al giorno. Per fine ottobre raggiungeremo l’80%: sarebbe già un buon risultato”.

L’ex capo della Protezione civile: “Obbligo green pass fa aumentare i vaccinati”

Per quanto riguarda l’estensione del green pass, per Bertolaso non serve l’obbligo vaccinale. Serve piuttosto “agire sull’intelligenza della gente”. Anche se in verità qui si sta parlando di obbligo indiretto – il green pass per lavorare – che costringe a vaccinarsi chi non l’ha ancora fatto. “L’ultimo provvedimento sull’obbligo di green pass per i lavoratori è stato essenziale: abbiamo raddoppiato del 150% le prenotazioni. Oggi i lombardi vaccinabili che non hanno ancora aderito sono 1 milione e 50mila: entro metà ottobre scenderemo sotto il mezzo milione”, assicura.

“Sì a togliere la mascherina in cinema e teatri con vaccinati sopra l’80%”

Intanto, afferma il più volte commissario straordinario, “si potrebbe togliere la mascherina in alcuni luoghi al chiuso, come i cinema e i teatri, in presenza di due requisiti. Una copertura vaccinale a due dosi superiore all’80% degli over 12 e la garanzia di controllo del green pass, alzandone, con le stesse premesse, la capienza almeno all’80%. Penso che, nelle stesse condizioni, si possano equiparare le discoteche a palestre, cinema o teatri”. Insomma, anche Bertolaso si accoda alla narrazione dominante (e menzognera) del “contentino” della capienza in cambio dell’obbligo di green pass praticamente per tutto.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta