Il Primato Nazionale mensile in edicola

Piacenza, 29 lug – Nuove ombre sulla caserma Levante dei Carabinieri di Piacenza finita sotto sequestro dopo che è stato scoperchiato il vaso di Pandora dei vergognosi crimini commessi dai militari coinvolti. Torture, spaccio, arresti illegali, estorsioni, false attestazioni, festini con droga e escort – alcune delle quali trans – tenute sotto ricatto dai militari stessi. Proprio una di loro, Francesca, ha denunciato cosa succedeva entro le mura della Levante affermando di essere stata più volte minacciata dagli ormai tristemente noti esponenti dell’Arma, fino alle percosse fisiche.

“Un puttanaio”

In una recente intervista a Radio Capital, Francesca è stata in grado di fornire altri scabrosi particolari sui festini in questione. «Il responsabile è il maresciallo Orlando, della caserma di via Caccialupo. Quella caserma era un pu**anaio, almeno quattro volte abbiamo fatto feste con sesso e droga. Volevano fare tutto senza protezione anche se io sono sieropositiva», racconta la trans.

Sesso senza protezione

Una consuetudine le minacce e le violenze: «Se non lavoravo per lui, per il Comandante Orlando, faceva in modo di mandarmi in Brasile. Un po’ di botte le ho prese, ma erano aggressioni sessuali, sono i maniaci del sesso, perché loro sono maiali» spiega Francesca. «Era sesso a go-go, droga a go-go. Volevano fare tutto senza protezione ero io che frenavo. Io sono sieropositiva, ma uso sempre il preservativo. Le altre lo facevano senza, ma io no. Loro facevano sesso violento, sesso animale».

“Sono tutti gay”

Fino ad arrivare a particolari decisamente più intimi riguardanti i gusti sessuali dei carabinieri: «Sono tutti gay perché succhiano ca**i. Scopa fi*a, scopa cu*o, succhia ca**o, vuol dire che sono gay. Però io ho usato sempre il mio guanto con loro, perché lo sapevo che questa bomba esplodeva. Io sono andata in caserma 3 o 4 volte».

“Anche la Polizia sapeva”

Non è tutto: secondo Francesca, anche la polizia di Piacenza era a conoscenza di quanto avveniva nella caserma Levante. «La Polizia sapeva che uno di loro veniva a casa mia e una volta sono andata a sporgere denuncia. Sono fatti che sono successi da tanto tempo a Piacenza, non solo con la caserma dei Carabinieri, ma anche la Questura. Adesso si sono calmati ma anche loro ne hanno combinate di tutti i colori».

Cristina Gauri

7 Commenti

  1. Parla IL transessuale: io sieropositivO, non volevano protezioni. Capisco che non possiate esimervi dall’accodarvi ai dettami imposti dal nuovo ordine di pensiero globale, pena essere, probabilmente, sottoposti alla censura del pensiero unico, quindi multati ed eradicati dal web. Io, però, preferisco chiamare le persone con l’articolo determinativo appropriato, quindi un uomo, travestito da donna, rimane un maschio e come tale va definito. Detto questo, rimane il patetico tentativo di quest’essere ai ” confini della realtà “, di racimolare denaro con interviste infarcite di menzogne, che, probabilmente, esprimono le sue fantasie più recondite: l’essere sodomizzato da un gruppo di uomini in divisa.Magari mi sbaglio, ma fatico a credere che tutti i militari coinvolti nelle vicende criminali a loro ascritte, siano pure un gruppo di ” sessualmente deviati “. Se, invece, così fosse, sarebbe la conferma che l’omosessualità è correlata con la totale mancanza di rettitudine morale, che porta gli esseri umani nel baratro dell’indecenza, ergo: agli ” invertiti ” non va fatta alcuna concessione.

    • Chiaramente non hai coraggio di firmarti con nome e cognome, come tutti i vigliacchi. E chiaramente te la prendi con le vittime invece che con i carnefici, come tutti i mostri. Io sono omosessuale e non vado a trans, e se è per questo non faccio neanche sesso occasionale, tu puoi affermare di avere la stessa etica?

  2. A parte la delinquenza di quei carabinieri credere a quello che dice questa é abbastanza imprudente, tra poco coinvolge anche Papa Francesco

  3. quei 4 non meritano l’onore della divisa che indossano…. a questa o questo essere non do credito mai andrebbe arrestata perchè fa la troia o il troio pur essendo sieropositivo e su questo ha ragione jason 17 con buona pace degli arcobaleni

Commenta