Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 apr – Secondo Europa Today, a fine gennaio l’Italia avrebbe disertato una riunione convocata dalla Commissione europea col fine di offrire agli Stati europei assistenza nel reperimento di articoli sanitari di protezione dal coronavirus. Tale assenza del’Italia si evincerebbe dal resoconto della riunione, tenutasi il 31 gennaio scorso, nel corso della quale l’esecutivo dell’Unione Europe avrebbe chiesto conto agli Stati europei sulla loro preparazione in caso di un’eventuale pandemia. La riunione sarebbe stata organizzata dal Comitato per la sicurezza sanitaria. Secondo gli atti diffusi ieri, l’Italia avrebbe disertato l’incontro.

Pochi Stati europei quelli “interessati”

I primi ad entrare in possesso del verbale del Comitato per la sicurezza sanitaria, sarebbero stati i giornalisti de Il Foglio. Da tali atti si evince che la preoccupazione nei confronti della pandemia incipiente affliggeva solo quattro Stati europei, perplessi rispetto alla loro capacità di reggere di fronte a una tale catastrofe. Questo episodio confermerebbe che Bruxelles si sarebbe in realtà mossa per tempo rispetto all’emergenza coronavirus, e che quindi la responsabilità di aver sottostimato il pericolo sarebbe tutta in capo ai rappresentanti degli Stati europei. Tuttavia i diplomatici italiani interrogati nel merito dai giornalisti del Foglio sostengono di non aver ricevuto alcun invito a partecipare a questa Commissione. Ma anche questa affermazione dei rappresentanti italiani viene smentita: la Commissione Ue infatti sostiene di aver informato il “membro italiano del Comitato per la sicurezza sanitaria” riguardo alla riunione. Problema di comunicazione o rimpallo istituzionale?

Ilaria Paoletti

Commenta