Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 18 giu – Momenti di follia allo stato puro a Milano. Chiusa la parentesi del lockdown, un po’ ovunque nella Penisola rifanno la loro comparsa i soliti sciroccati di origine straniera che proprio non ci stanno a vivere nel nostro Paese seguendo le più elementari regole di convivenza civile.

Protagonista di questo ennesimo fatto di cronaca violenta, andato in scena martedì sera a Milano, un 23enne egiziano che è finito denunciato a piede libero per interruzione di pubblico servizio. Teatro della vicenda il convoglio della filovia 91 della’Azienda di trasporti milanese, dove lo straniero ha prima ingaggiato una furiosa lite con altri passeggeri, e poi se l’è presa con il conducente che aveva cercato di calmarlo. Non pago, ha deciso di aggredire anche vigilantes e agenti di polizia che erano intervenuti per ripristinare l’ordine.

Il bel teatrino è iniziato verso le 20,50, quando il giovane egiziano ha iniziato a discutere con una coppia di conoscenti, un uomo e una donna. La discussione si è fatta vieppiù animata, fino a degenerare in lite. A quel punto il 23enne ha staccato dalle pareti del convoglio uno degli estintori che si trovavano a bordo del mezzo, dirigendosi verso i suoi opponenti. Ma ha trovato sulla propria strada il conducente del bus, un italiano di 44 anni, intervenuto per cercare di calmarlo. Come reazione lo straniero gli ha svuotato l’estintore in faccia, per poi scendere di tutta fretta dalla 91.

L’uomo è stato subito raggiunto dai vigilantes di Atm, chiamati dallo stesso autista. Ma l’immigrato ha rotto una bottiglia di vetro e ha impugnato un bastone trovato nelle vicinanze e si è lanciato anche contro di loro; solo con l’intervento degli agenti delle Volanti l’egiziano è stato bloccato e ridotto a più miti consigli. Il conducente è stato trasportato in ospedale, al Fatebenefratelli, in codice verde, ma per fortuna le sue condizioni sono buone. Il giovane è invece stato identificato e denunciato.

Cristina Gauri

7 Commenti

  1. I negroidi come costui avranno sempre campo libero e vita facile nel nostro paese, giacché le solerti forze dell’ordine sono troppo impegnate a controllare mascherine e distanziamento sociale degli italiani, per occuparsi di arrestare ed ESPELLERE simili personaggi… I poliziotti americani a uno così avrebbero fatto il cappotto di legno.. Altro che black lives qualcosa 😖

Commenta