Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 set – “Fake news contro di lui“: il giudice dà ragione all’ambasciatore Mario Vattani. Il tribunale di Genova dispone la rimozione della petizione aperta su change.org per chiedere la revoca della sua nomina ad ambasciatore italiano a Singapore. A promuovere la petizione era stato il direttore di Next, Lorenzo Tosa, che il giudice ha condannato anche al pagamento delle spese processuali (oltre 7mila euro). Il giudice inoltre ha stabilito che Tosa dovrà corrispondere a Vattani 250 euro al giorno “per ogni violazione o inosservanza successiva dell’ordine impartito o per ogni ritardo nell’esecuzione del presente provvedimento che si protragga oltre i cinque giorni dalla comunicazione della presente ordinanza”.



Il giudice dà ragione a Vattani: “Petizione contro di lui va rimossa, contiene fake news”

La nomina di Vattani era stata anche al centro di un’interrogazione parlamentare a firma di Roberto Morassut (Pd) e di un appello dell’Anpi, mentre la petizione promossa da Tosa aveva trovato il sostegno, tra gli altri, di Andrea Scanzi del Fatto Quotidiano, Saverio Tommasi di FanPage e del neo rettore dell’Università per stranieri di Siena Tomaso Montanari, in questi giorni nel mirino per aver negato le Foibe. Punto cruciale della diffamazione è la “fake news” sulla presunta partecipazione di Vattani a un’aggressione avvenuta a Roma nel 1989 al cinema Capranica. Accusa dalla quale in realtà il neo ambasciatore fu assolto con formula piena per non aver commesso il fatto. Tanto che in merito alla petizione contro di lui, l’ambasciatore (che è anche uno scrittore di successo), assistito dagli avvocati Domenico Di Tullio e Domenica Naike Cascini, si è da subito affidato alla giustizia dei tribunali.

“Manipolazione dei fatti per gettare discredito”

Proprio su questo aspetto, il tribunale sottolinea come “la petizione di cui trattasi nella parte esaminata costituisce un chiaro esempio di travisamento e manipolazione di uno specifico fatto storico, con il quale è stata realizzata una distorsione rispetto all’intento informativo dell’opinione pubblica che è alla base del riconoscimento dell’esimente del diritto di critica” e parla di una “prospettazione dei fatti opposta alla verità, in modo tale da gettare discredito sulla persona interessata“.

Neanche a dirlo, oggi sulla stampa mainstream – e non soltanto sulle testate coinvolte – non c’è traccia della (buona) notizia.

Ludovica Colli

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Gentile PN , al solito l’odio dei “giusti” si propaga sempre da quelle centrali del globalismo diffamatorio e internazionalismo immigrazionista al nome di Next , Fanfake , e sfattoquotidiano….giornaletti scam per gonzi che copiano i network on line americani anti trump….paro paro ….fuffintonpost è un sito dei democ-ratti americani , vox.com dei liberlprogressisti….Next poi sono dei bufalari odiatori seriali da competizione

Commenta