Roma, 20 lug – Il governo britannico ha dato il via libera alla costruzione della nuova centrale nucleare Sizewell C nel Suffolk, nell’inghilterra orientale, che secondo le stime degli esperti genererà elettricità a basse emissioni di carbonio per quasi sei milioni di case. La nuova centrale nucleare EPR Sizewell C avrà come partner principale la francese EDF, maggiore azienda produttrice e distributrice di energia della Francia, appena nazionalizzata dal governo di Parigi.

Londra investe sul nucleare

Londra ha fatto dello sviluppo dell’energia nucleare una delle priorità della sua strategia energetica, ma molti dei suoi 15 reattori sono alla fine del loro ciclo di vita e l’unico impianto attualmente in costruzione, Hinkley Point C, un progetto guidato anche da EDF e dalla cinese CGN, ha visto lievitare i suoi costi e non aprirà prima del 2027. Nel bel mezzo di una crisi del costo della vita causata dall’impennata delle bollette energetiche e con la guerra in Ucraina che ha riportato l’indipendenza energetica al centro dell’attenzione, il Regno Unito vuole accelerare lo sviluppo dell’energia nucleare. Il dibattito sulle tematiche energetiche sta interessando l’intera Europa, è di poche settimane fa la notizia che il Parlamento europeo ha finalmente espresso la volontà di incentivare gli investimenti su nucleare. La Francia, al momento, è sul gradino più alto per quanto riguarda il nucleare, e la sua presenza nella costruzione della nuova Sizewell C è la dimostrazione.

Indipendenza energetica e politiche di potenza

L’Italia sembrerebbe ancora indietro sulla tematica del nucleare, anche se nell’ultimo periodo, complice la crisi energetica che si sta delineando, il tema è tornato alla ribalta. L’indipendenza energetica del nostro paese non può che passare attraverso degli investimenti mirati sul nucleare, superata anche ormai l’inutile querelle sulla sostenibilità ambientale delle centrali, ora il governo deve battere colpo e intraprendere questo processo di accelerazione e con delle vere e proprie politiche di potenza.

Andrea Grieco

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta