Roma, 20 lug — I ragazzini sono vulnerabili, proprio per questo dobbiamo sostenerli se vogliono cambiare sesso in giovanissima età: così dichiara il trans Rachel Levine, donna dell’anno per Usa Today e assistente del segretario alla Salute degli Stati Uniti, invocando leggi per «sostenere e responsabilizzare i giovani che chiedono “una cura per l’affermazione di genere”», zuccheroso neo-termine per descrivere terapie includono la somministrazione di farmaci bloccanti della pubertà, ormoni e interventi irreversibili di mutilazione chirurgica in bambini e ragazzini adolescenti.

Rachel Levine vuole leggi per consentire le transizioni dei bambini

Levine, che ricorda di essere «lei stessa» transgender e di aver vissuto «fino al 2011 come maschio biologico», (come se i suoi cromosomi sessuali non fossero rimasti XY nonostante le operazioni e il parrucco da donna), ha rilasciato queste dichiarazioni intervenendo su Andrea Mitchell Reports di Msnbc. «I giovani trans sono vulnerabili», ha proseguito, sostenendo che il governo deve incentivare «la loro partecipazione ad attività come lo sport». E se nel processo di inclusione degli sportivi trans capita di danneggiare le atlete biologicamente femmine, poco male. Quello zero virgola va coccolato e facilitato a tutti i costi.

La colpa è solo del bullismo, certo

Nel corso dell’intervista Levine ha ammesso che i giovani trans presentano sì una maggior incidenza di problemi di salute mentale, specificando però che la colpa è del bullismo di cui sono vittime, e non dell’identità di genere della persona. Il tutto senza presentare uno straccio di studio a supporto di questa teoria. «Subiscono molestie e bullismo, a volte nelle scuole o nelle comunità di appartenenza. Hanno più problemi di salute mentale, ma non c’è nulla di inerente all’essere transgender o di genere diverso che predisporrebbe i giovani alla depressione o all’ansia», ha insistito.

I commenti di Levine sul sostegno agli interventi chirurgici per la transizione di genere nei bambini hanno suscitato critiche da un certo numero di utenti dei social media. Andy Biggs, che rappresenta il 5° distretto congressuale dell’Arizona alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti , ha bollato le affermazioni come «profondamente inquietanti». Il senatore del Kansas, il dottor Roger Marshall, ha dichiarato: «L’80% dei bambini supera la disforia di genere. In base alle politiche di “cura del genere” dell’amministrazione Biden, questi bambini potrebbero subire danni irreversibili. La “cura per l’affermazione di genere” è un abuso sui minori».

Cristina Gauri

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Quest’uomo* andrebbe incriminato per istigazione a delinquere, concorso in danni personali gravissimi e irreversibili e attentato all’integrità della persona.
    * uomo al 100%, perché conserva non solo i cromosomi, ma anche tutto il testosterone accumulato fino a 11 anni fa, l’ossatura maschile, la muscolatura maschile, la capacità cardiaca e polmonare maschile. E, nel suo casi, anche i lineamenti, che di femminile non hanno la minima traccia.

Commenta