Il Primato Nazionale mensile in edicola

Codogno, 25 mar – L’omaggio alle vittime del coronavirus di Codogno arriva dal cielo, sotto forma di una fumata bianco rosso verde.  Le Frecce Tricolori, che per tutta la settimana coloreranno i cieli dell’Italia in onore della 74esima festa della Rebubblica del 2 giugno, fa tappa a Codogno. La cittadina è stata infatti eletta dall’Aeronautica Militare come luogo simbolo della lotta al coronavirus.

Frecce Tricolori, omaggio a pazienti e medici

La novità è stata resa pubblica dal prefetto di Lodi, Marcello Cardona. Le Frecce Tricolori oggi hanno iniziato a “salutare” tutti i capoluoghi di regione con i colori della bandiera italiana. Oggi le e Frecce hanno decollato dalla loro sede di Rivolto in direzione Trento. E in mattinata hanno deciso di sorvolare di Codogno, la prima zona rossa dell’emergenza sanitaria, per omaggiare tutti i caduti del coronavirus, ovviamente compresi anche i medici.

Sindaco di Codogno: “Emozionante e bellissimo, grazie”

Nessuna acrobazia, solo il maestoso passaggio in formazione delle Frecce Tricolori. Nei video, però, si capisce bene lo stato d’animo dei cittadini di Codogno, commossi, che applaudono e salutano al passaggio degli aerei nel cielo. “E’ stato un momento bello. Grazie, veramente grazie alle istituzioni, in primis alla presidenza della Repubblica, per il segno di un pensiero nei confronti delle nostre comunità che tanto hanno sofferto. Noi abbiamo dedicato questa giornata ai caduti, a quelle persone che non hanno potuto guardare questo meraviglioso e incredibile passaggio” dichiara ad Adnkronos il sindaco di Codogno Francesco Passerini. “E’ stato emozionante e la giornata è bellissima, un contesto migliore non poteva esserci. Speriamo sia il segno di ripresa alla normalità con tutte le cautele del caso”. Secondo Passerini, relativamente al coronavirus a Codogno si sarebbe registrato qualche “caso isolato, ma per fortuna c’è una coscienza diffusa, comportamenti di base sono ormai entrati nell’abitudine” per limitare i rischi di contagio.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Questo governicchio non merita di avvalersi di assetti prestigiosi, come la PAN, per farsi pubblicità e propaganda! Facessero finalmente qualcosa di utile per il Paese…. Dimettersi? Buttarsi al fiume, così risparmiamo i vitalizi?

Commenta