Roma, 2 nov – Chi vuol esser casto sia, ma del doman non v’è certezza. Così due suore hanno scoperto “per caso” di essere incinte. E in questi casi si può dire senza timore di smentita che non vi è trucco né inganno, perché gli esami medici parlano chiaro. Due casi in una regione, la Sicilia, che scuotono adesso il sonno della Chiesa.

Il primo nel messinese, dove una suora si è recata all’ospedale Sant’Agata di Militello accusando dolori all’addome, scoprendo dall’ecografia effettuata di essere incinta. A dare la notizia, prima della conferma degli ambienti ecclesiastici, è stata la Gazzetta di Messina. La suora, 34enne, viveva in un convento di un piccolo comune dei monti Nebrodi. L’ordine religioso a cui appartiene non ha rilasciato alcuna dichiarazione a riguardo ma ha preferito trasferire la sorella a Palermo, dove, a quanto fatto sapere dagli ambienti ecclesiastici, potrà scegliere dopo aver partorito di abbandonare l’ordine e fare la mamma.

Casi isolati?

Il secondo “clamoroso” caso di una suora incinta ha sorpreso tutti in provincia di Ragusa. Si tratta di una suora originaria del Madagascar e responsabile di un servizio di assistenza agli anziani, ha scoperto di essere in attesa di un bambino. Una notizia circolata soltanto nelle ultime ore ma risalente a circa un mese fa. In questo caso la suora africana, che era pure madre superiora, ha lasciato l’istituto in cui lavorava ed è tornata nel suo paese d’origine.

Per quanto anomali, non sono però i primi casi di suore rimaste incinte in Italia. Nel 2014, a Rieti, una suora di origini salvadoregne partorì un bambino e lasciò l’ordine per fare la mamma. Mentre nel 2015, nelle Marche, una novizia rimase incinta e diede alla luce un bambino. Mai porre limiti, insomma, alla divina provvidenza.

Alessandro Della Guglia

9 Commenti

  1. Niente di nuovo sotto il sole. È sempre successo nella Storia. Inutile scandalizzarci. Spero soltanto che fossero consensienti al momento del concepimento e tanti auguri alle neomamme.

Commenta