Mantova, 24 ott – A Mantova, Anpi e Sinistra Italiana stanno facendo pressione per revocare la concessione della sala pubblica agli organizzatori dell’incontro “Sulla pelle dei bambini” che si terrà sabato 26 ottobre alle ore 17,30 in via Gandolfo 11. Un appuntamento dove si tornerà a parlare di Bibbiano e di affidi illeciti con Francesco Borgonovo, giornalista e caporedattore de “La Verità”, l’avvocato Camilla Signorini, specializzata in tema di minori e affidi e il professor Roberto Archi, ex preside oggi in pensione e attuale assessore alla cultura di Roncoferraro. A moderare l’incontro ci sarà Ronni Bottazzi referente per Mantova di CasaPound.

A Mantova si parla di affidi

Al convegno, aperto a tutti, sono stati invitati anche l’onorevole Emanuele Fiano, il ministro della Famiglia, la mantovana Elena Bonetti, gli assessori del comune, Andrea Caprini al welfare e Chiara Sortino alle politiche della famiglia e della genitorialità, il consigliere Fausto Banzi di Sinistra Italiana. Secondo quanto sostenuto da Anpi e compagni il movimento avrebbe aggirato, con uno stratagemma, la norma dello Statuto che regola l’utilizzo delle sale comunali – vietate ad associazioni considerate neofasciste –  fornendo il nominativo di un cittadino “prestatosi al gioco”.
L’evento, che non ha bandiere, vede al tavolo relatori di diverse aree politiche: Francesco Borgonovo è un giornalista de La Verità, Camilla Signorini è di Forza Italia e presidente del Club Forza Silvio di Quistello ed infine Roberto Archi è l’attuale assessore alla cultura del comune di Roncoferraro in quota Fratelli d’Italia.

Il precedente della Anghinolfi

Spiega Ronni Bottazzi di CasaPound: “Questo incontro nasce dal desiderio di un gruppo di genitori, di continuare ad approfondire il tema degli affidi dopo la polemica seguita da una denuncia da parte del sindaco di Mantova, Mattia Palazzi, che aveva denunciato chi aveva attaccato in città gli adesivi riportanti la scritta ‘Parlateci di Bibbiano’. Noi di CasaPound  abbiamo solo dato il nostro appoggio a quelle persone e condiviso le loro preoccupazioni. Ricordo che nella sala dove il 26 ottobre si terrà l’incontro, si organizzò il 18 maggio 2018 un evento formativo con Federica Anghinolfi coinvolta l’anno dopo nell’inchiesta Angeli e Demoni (oggi agli arresti domiciliari). L’esperta era stata invitata a Mantova per parlare di affido alle coppie Lgbt in un incontro patrocinato dal Comune”, chiude Bottazzi.
All’appuntamento di sabato ci saranno alcuni genitori che porteranno la loro esperienza, non positiva, con alcuni enti che si occupano di tutela dell’infanzia. Il benessere dei bambini è il metro con cui si misura il tasso di civiltà di una società, diceva qualcuno. Nell’incontro si cercherà di capire se “tutto sommato il sistema degli affidi tiene”, come sosteneva Spadafora ex Garante per l’Infanzia, se serve riformarlo per evitare che gente senza scrupoli possa sfruttare eventuali vuoti normativi e, soprattutto, per cercare di evitare che tanti bambini siano costretti a vivere lontano dalla loro mamma o dal loro papà.
Nicola Mattei

Commenta