Milano, 2 mar – Si può anche prenderla come un anticipo del Carnevale ambrosiano che culminerà sabato 9 marzo. Una bella mascherata e via. Ma dell’ennesima marcia per i diritti, Milano, in piena “Mahmood-mania”, francamente, non ne sentiva il bisogno.

Eppure oggi per le vie del centro del capoluogo lombardo sfileranno i soliti noti “contro ogni discriminazione e razzismo”, con l’ossessione di Salvini e dei fascisti. Anche lo schieramento è sempre lo stesso: partiti e politici di sinistra e ultrasinistra, intellettuali o simili, cantanti, attori, registi, saltimbanchi vari al fianco dell’associazionismo votato al business della cosiddetta accoglienza. Nell’eterna partita dei “diritti” la saldatura tra il ricco mondo Lgbt e quanti mirano alla sostituzione del nostro popolo con altri è ormai totale.

A fare gli onori di casa ci sarà il sindaco Beppe Sala insieme al suo predecessore, Giuliano Pisapia, e – last but not least – non poteva mancare l’adesione dell’Anpi, l’immarcescibile Anpi, rappresentata addirittura dalla presidente nazionale.  

“Prima le persone”

People, prima le persone è il titolo della simpatica kermesse sulla cui pagina Facebook si può leggere il testo dell’appello: “Diamo vita a una grande iniziativa pubblica per dire che vogliamo un mondo che metta al centro le persone. La politica della paura e la cultura della discriminazione vengono sistematicamente perseguite per alimentare l’odio e per creare cittadini e cittadine di serie A e di serie B… Perché pensiamo che le differenze – legate al genere, all’etnia, alla condizione sociale, alla religione, all’orientamento sessuale, alla nazione di provenienza e persino alla salute – non debbano mai diventare un’occasione per creare nuove persone da segregare, nemici da perseguire e ghettizzare o individui da emarginare.

La solita arroganza

Ecco, al di là della consueta litania sull’odio, la discriminazione e via piagnucolando, una simile sfilata, inserita più che giustamente tra la Milano Fashion Week e il Carnevale, presenta toni più arroganti del solito. E magari uno potrebbe anche preoccuparsi pensando che un simile modello rischia di prendere definitivamente il sopravvento. Per ora è un incubo che si scioglie in una risata quando leggi cose del tipo: “Ci sarà anche un omaggio a Emma, presa di mira da un consigliere leghista perché a favore dell’apertura dei porti”.

C’è poco da fare, è difficile innalzare al rango di nemico qualcuno che non ha nemmeno il senso del ridicolo. E le maschere non c’entrano, quelle sono serissime.

Fabio Pasini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

13 Commenti

  1. Per capire in modo più approfondito da dove viene certa estrema sinistra post marxista, globalista, filo immigrazionista e antinazionale consiglio di leggere Filosofia della Rivolta, critica dell’ideologia della sinistra radicale, di Batalov edizioni Anteo e anche il Sessantotto di Danilo Fabbroni edizioni Solfanelli….Ovviamente anche molti libri di Costanzo Preve e più recentemente di Paolo Borgognone, come L’immagine sinistra della globalizzazione ne danno uno spaccato storico. La sinistra radicale, extraparlamentare e non, è figlia di quel Sessantotto apparentemente antiborghese, in realtà ultraborghese, anarcoliberale e libertario travestito da comunismo che ha fatto da battistrada culturale per l’americanizzazione anche della nostra Nazione!

  2. Quello che vi contraddistingue è proprio il vostro limite:avete ormai da tempo perso i connotati di quell’humanitas che vi rende riconoscibili solo nella vostra assoluta disumanità:zombi che si fagocitano gli uni con gli altri..e alla sommità il Leviatano Salvini. Non abbiamo bisogno di ulteriori letture x riconoscere il marcio che vi abita. Non ascolto..nessuna capacità di comprensione e afonia..NIENTE DIALOGO. NIENTE PAROLA..SIETE VOI LE MASCHERE MUTE DEL TEATRO DELL’ASSURDO!!!

  3. Vedete i cinesi sono venuti in Italia senza creare clamori,i loro negozi sono spuntati ovunque e in competizione con i nostri; non stanno con gli auricolari anzi li vendono,non ho mai sentito sul loro conto parlare di droghe,prostituzione e casi delittuosi,piano piano e in silenzio si sono integrati.E perché gli africani non sono bene accetti?La risposta è semplice:”sono l’opposto dei cinesi”per intenderci.Allora perché stanno a cuore al PD e alle politiche della sx?Non so rispondere a questo.Semplificare con la morte nelle traversate,esseri umani,fuggire dalla disperazione,buona manovalanza da sfruttare, business della migrazione,non è sufficiente.Siamo razzisti o altro,sconfinare con l’olocausto degli ebrei è assurdo ma,siamo arrivati anche a questo.Ne usciremo? Non lo so!

  4. […] Milano, 3 mar – Più che una marcia antirazzista, sembrava un incontro di donne single la sera dell’otto marzo. La sinistra ha uno strano modo di riflettere sulle tragedie quando manifesta in piazza: per ricordare gli immigrati che soffrono o che muoiono nelle traversate, – attirati dalle false promesse e dalle illusioni fabbricate e perpetrate proprio da tutti coloro che manifestavano ieri – ballano i Village People. E’ questo il siparietto “panem et circenses” di cui si è resa protagonista Laura Boldrini, durante la manifestazione-carnevalata antirazzista andata in scena ieri per le strade di Milano. […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here