Milano, 17 ago — Mercoledì mattina di sangue in Piazza della Repubblica, in pieno centro a Milano: una ragazza di 22 anni è stata accoltellata da un connazionale eritreo di 36. L’aggressione è avvenuta in pieno giorno: la giovane ha riportato profonde ferite all’addome e al torace che le sono valse il trasporto in codice giallo al pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli.

Un episodio che avrebbe potuto trasformarsi in tragedia, perché le condizioni della vittima, inizialmente ritenute poco preoccupanti dal personale medico, si sono rivelate ben più serie: un più approfondito esame clinico ha rilevato una lesione interna a un polmone, che ha reso necessario un intervento d’urgenza. Lo riporta il Corriere.

Accoltellata da un connazionale eritreo per motivi passionali 

Stando a una prima ricostruzione delle forze dell’ordine, sopraggiunte sul luogo dell’aggressione assieme al personale sanitario, l’eritreo avrebbe aggredito con svariati fendenti di coltello la giovane connazionale al culmine di un animato litigio in strada, sul lato di viale Vittorio Veneto. Sul posto ad assistere all’intera scena altri tre eritrei che ora verranno chiamati a testimoniare dagli agenti della questura meneghina.

Il solito contesto di degrado legato all’immigrazione

I cinque farebbero parte di un nutrito gruppo di immigrati di origine africana che è solito orbitare, tentando di guadagnarsi la giornata con mezzi improvvisati, tra i Bastioni di Porta Venezia, piazza Oberdan e piazza della Repubblica, tra risse, degrado e litigi. E proprio nel contesto di un litigio, probabilmente generato da un movente di tipo sentimentale, sarebbe avvenuto lo spaventoso accoltellamento. La giovane vittima non aveva documenti con sé e il nome fornito alle forze dell’ordine non risulta registrato in nessun database sul territorio italiano. Per quanto riguarda il 36enne aggressore eritreo, la sua posizione è ora al vaglio della polizia e del pm di turno. Risulta essere regolare in Italia e con un permesso di soggiorno rilasciato dalle autorità tedesche.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Bastioni di Porta Venezia a Milano: manco a Calcutta c’è uno schifo simile e… da anni!! Moratti, Pisapia e Sala si sono superati nel lasciare uno squallido zoo umano a ricordo di quello vicino, realmente animale, chiuso decenni fa. Zoo “a rotazione” comunque ma i bambini, con o senza spagnolette, non ci passano proprio più. Altro che monopattino…

Commenta