Roma, 14 dic – Via arma in dotazione e tesserino agli agenti e in generale tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine che entro la giornata di domani non risulteranno vaccinati. E’ quanto previsto dal governo, che decide così di sanzionare pesantemente anche chi è chiamato a tutelare l’ordine pubblico e al contempo ha deciso di non sottoporsi alla vaccinazione. Non solo, nelle circolare del ministero dell’Interno si prevedono anche sospensione dal servizio e sanzioni fino a 1.500 euro per gli stessi appartenenti alle forze dell’ordine che si sottrarranno all’obbligo vaccinale.
Parliamo nello specifico della circolare “Comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico” relative alle misure anti Covid adottate dall’esecutivo guidato da Mario Draghi.

Leggi anche: Domani scatta l’obbligo vaccinale per prof, militari e polizia. Ecco cosa si rischia

Agenti non vaccinati: la circolare del ministero

“L’adempimento dell’obbligo vaccinale comprende il ciclo vaccinale primario e, a far data dal 15 dicembre 2021 – si legge nel testo diffuso dall’Adnkronos– la somministrazione della successiva dose di richiamo da effettuarsi nel rispetto delle indicazioni e dei termini previsti dalla circolare del Ministero della Salute”. E a partire da domani mercoledì 15 dicembre “il personale tutto, anche se assente per legittimi motivi, dovrà produrre al responsabile della propria struttura la documentazione attestante l’adempimento dell’obbligo vaccinale”.

In caso contrario, ovvero se la documentazione non dovesse essere presentata, l’amministrazione competente è tenuta a invitare “senza indugio, l’interessato a produrre entro 5 giorni dalla ricezione dell’invito” quanto richiesto. In pratica da domani gli appartenenti alle forze dell’ordine non ancora vaccinati hanno non più di cinque giorni di tempo per sottoporsi all’iniezione. Altrimenti cosa accade? Si prevede la sospensione del servizio senza compenso, oltre al ritiro temporaneo della “tessera di riconoscimento, la placca, l’arma in dotazione e le manette“. Come se non bastasse chi non si vaccinerà e verrà sorpreso a lavoro, sarà “punito con la sanzione del pagamento di una somma da euro 600 a euro 1.500”. Multe salate anche per chi non controlla: da 400 a mille euro.

Quanti sono i non vaccinati nelle forze dell’ordine

Ma quanti sono gli appartenenti alle forze dell’ordine non vaccinati? Stando a quanto riportato sei giorni fa dal Sole 24 Ore, sono circa “50mila” gli addetti del comparto Difesa, sicurezza e soccorso pubblico che non si sono sottoposti alla vaccinazione. “Appartengono alla Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza; l’Esercito, la Marina e l’Aeronautica; i Vigili del Fuoco”, scrive il Sole.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Nella guerra al buio qualcuno insiste a non comprendere che il sino-virus può essere un avversario né più e né meno come può esserlo un vaccino (a puntate), fintanto che è addirittura un farmaco genetico, non garantito e senza rimborso a corto, medio, lungo termine.
    La misura, come tante altre, è un serrare i ranghi per colpa di un sistema social-sanitario da anni corrotto, incapace e frequentemente causa di patologie serie per diagnosi fallaci, eccessivi farmaci, estremismo diagnostico e terapie di vario genere pesantemente invasive. L’ italiano medio è malato, ma certo non sempre per colpa sua (acidosi, epatite, diabete, disbiosi, cancro, ecc… senza “calcare” citando il sospettato peggio).
    Se almeno dicessero tutta la verità o quantomeno la ricercassero…
    I sacrifici, le imposizioni, l’ ubbidienza, la sinergia comunitaria, nel bene come nel male, ritengo necessitino di governi ben più credibili e futuribili, quindi critici anche verso sé stessi (mai un segnale di retromarcia in tal senso).
    Pollice verso anche alla capacità di distinzione, di comunicazione… un elefante nella cristalleria appare una piuma a loro confronto.

Commenta