Roma, 15 ott – Il conflitto tra Russia e Ucraina continua a radicalizzarsi sempre di più, ormai i rapporti sembrerebbero davvero irrecuperabili. È stato autorizzato il nuovo pacchetto di aiuti in armi dal Pentagono pari a 725 milioni di dollari, il quale include munizioni per i sistemi di artiglieria Himars a lungo raggio, comprensivi di 23 mila pezzi di artiglieria tra cui 500 pezzi di sistemi di precisione guidata. L’ammontare totale degli aiuti in munizioni e armi con cui gli Stati Uniti d’America hanno sostenuto Kiev e Zelensky, fin dal gennaio 2021, si aggira intorno a 18,2 miliardi di dollari. Anche la potente Arabia Saudita ha annunciato aiuti umanitari per 400 milioni di dollari all’Ucraina, il principe ereditario Mohammed bin Salman ha sottolineato la volontà del regno di sostenere una riduzione dei toni del conflitto per intraprendere una mediazione.

Musk chiede un intervento agli Stati Uniti

Nella sede del quartier generale del Dipartimento della difesa degli Stati Uniti si stanno inoltre valutando tutte le possibili opzioni per sostenere la connessione internet nelle zone interessate dalla guerra, dopo che Elon Musk ha avvertito l’insostenibilità dei costi della rete di comunicazione delle oltre 20 mila unità satellitari del progetto Starlink. L’ambasciatore ucraino a Berlino aveva risposto in modo spinto alla proposta di pace lanciata su Twitter dallo stesso fondatore di Tesla e Space X considerata troppo favorevole a Putin e mandandolo letteralmente “a quel paese”.

Europa sempre più in difficoltà

Una sempre più crescente escalation sta portando i toni del conflitto ad ingigantirsi sempre maggiormente, nuovi attacchi russi con droni si registrano quotidianamente (come nella zona di Zaporizhzhia), danneggiando città, infrastrutture e mietendo vittime su vittime. Il territorio e il popolo ucraino stanno subendo sulla propria pelle i giochi di potere delle due superpotenze globali che assoggettano e schiavizzano l’Europa.

Andrea Grieco

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Vivi complimenti per l’ equidistanza… che ritengo francamente, storicamente, culturalmente, praticamente impossibile. I Russi sono in casa loro, gli statunitensi molto meno!

Commenta