Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 apr – “Grazie per tutto quello che fate. Vorrei dirvi che sono a disposizione per dare una mano sempre. Contate su di me“. Così Papa Francesco, come riportato da Avvenire, ha risposto ieri alla lettera ricevuta giovedì scorso da Mediterrana Saving Humans. Una replica piuttosto significativa, in cui Bergoglio oltre a esprimere massima vicinanza alla Ong che trasporta gentilmente clandestini sulle coste italiane, fa sapere che è a disposizione degli attivisti.

“A firmare la missiva era stato il capomissione Luca Casarini, dopo le ultime notizie dalla Libia. E ieri mattina papa Francesco ha fatto arrivare la sua risposta, scritta di suo pugno, per incoraggiare i volontari delle missioni umanitarie nel Mediterraneo”, spiega la Ong riprendendo l’articolo pubblicato da Avvenire. La stessa Mediterranea ha inoltre fatto sapere che “nella lettera, a nome di tutti i componenti dell’organizzazione, Casarini aveva manifestato l’amarezza per tutti gli ostacoli posti alle navi umanitarie, ma soprattutto per l’aggravarsi delle condizioni di migliaia di persone nei campi di prigionia in Libia e negli accampamenti in Grecia, dove ore incombe la minaccia del Coronavirus. Grazie, Papa Francesco”.

Fratelli e compagni

Un reciproco apprezzamento dunque, per nulla sconvolgete considerate le ormai note posizioni di Papa Francesco sull’immigrazione. Certo, colpisce questo scambio di “abbracci” e la promessa di collaborazione con l’ex leader dei centri sociali Luca Casarini. Una risposta, quella di Bergoglio, di certo non parca di afflato ed elogi: “Luca, caro fratello, grazie tante per la tua lettera”, ma anche “per la pietà umana che hai davanti a tanti dolori. Grazie per la tua testimonianza, che a me fa tanto bene”.

D’altronde non è certo la prima volta che il Vaticano mostra il suo apprezzamento nei confronti di Casarini e di Mediterranea. Lo scorso ottobre ad esempio, come riportato su questo giornale, Papa Francesco nominò cardinale Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo. E come festeggiò la prestigiosa nomina Sua Eminenza Reverendissima? Con un bel pranzo in compagnia di alcuni compagni di fede: Luca Casarini, don Mattia Ferrari e Beppe Caccia. Il neocardinale pubblicò su Instagram una foto dell’allegro convivio, esprimendo tutto il suo giubilo con parole analoghe a quelle scelte ieri da Bergoglio: “Sono commosso dalle vostre storie e dalla vostra esperienza. Luca, Beppe, don Mattia: potrete sempre contare su di me!”.

Eugenio Palazzini

8 Commenti

  1. Eh già, le priorità per quel signore tutto vestito di bianco che è convinto di essere un papa, sono le Ong ed i clandestini.
    Oltre 100.000 infetti e un numero spaventoso di morti che continuano a salire inesorabilmente, carenza di DPI per gli operatori sanitari, mancanza quasi totale di risorse finanziarie per aiutare il popolo italiano obbligato a sospendere il lavoro per rispettare l’isolamento, sono problemi secondari?
    Ma che cosa cazzo stanno facendo di veramente concreto per aiutare noi poveri italiani lui ed i suoi grassi e ricchi alti prelati? Non c’è almeno un po’ di misericordia ed aiuto materiale (sì aiuto, vile denaro!!!) anche per noi? Come per i clandestini, anche noi non possiamo campare solo di spirito santo e di chiacchiere.
    Mi devo assolutamente astenere dallo scrivere la mia opinione!

  2. Eversivo e nichilista, totalmente estraneo a qualsiasi dimensione del sacro, demagogico ma privo di autentica pietas… Bergoglio rappresenta perfettamente la fine (ma anche IL fine) del cristianesimo.

  3. perdonatemi ma non mi fate digerire il pranzo di pasqua agli arresti domiciliari viviamo una situazione storica in negativo ovvero per la prima volta dopo 2000 anni , dopo infinite carestie ,guerre e epidemie la chiesa ha sospeso i riti della settimana Santa Considero tutto ciò alto tradimento verso il Risorto vuol dire che giuda anche se è morto ha molti seguaci e la pugnalata alle spalle di un popolo in sofferenza è questo contate su di me quando ci sono italiani che sono alla conta da guerra questo vive questo muore vergogna ,vergogna e nuovi giuda che meritano solo il fuoco della geenna

  4. Ogni qualvolta che apre bocca si conferma come uno tra i peggiori Pontefici della storia.
    Parla di solidarietà ? Incominci a difendere il i cristiani massacrati dall’Islam in giro per il mondo e poi a pagare allo stato le imposte sugli immobili, di prorietà della chiesa, sul territorio nazionale.

  5. Sotto il colonnato del Bernini “vivono” centinaia di senzatetto ….
    ma …. a SBergoglio che gli frega ??????
    Mica rendono 80 euri al giorno come i bingobongo !!!!!

    Le profezie lo danno come ULTIMO papa …… SPERO SI AVVERINO !!!!!
    …. ed al più presto possibile …….

  6. […] Poi la Ong assicura che “le persone che abbiamo salvato sono in quarantena e non rappresentano un rischio per la popolazione siciliana, le procedure adottate da Mare Jonio sono le più avanzate per il contenimento del Covid-19, procedure che permettono di identificare i positivi immediatamente senza rischi di propagazione dell’epidemia”. “Oggi più che mai Mediterranea fa suo il monito di Papa Francesco. Nessuno si salva da solo, dalla morte in mare così come dalla pandemia”, conclude la nota citando Bergoglio, da sempre impegnato nel propagandare l’azione delle Ong e in particolare di quella dei centri sociali. […]

  7. […] Poi la Ong assicura che “le persone che abbiamo salvato sono in quarantena e non rappresentano un rischio per la popolazione siciliana, le procedure adottate da Mare Jonio sono le più avanzate per il contenimento del Covid-19, procedure che permettono di identificare i positivi immediatamente senza rischi di propagazione dell’epidemia”. “Oggi più che mai Mediterranea fa suo il monito di Papa Francesco. Nessuno si salva da solo, dalla morte in mare così come dalla pandemia”, conclude la nota citando Bergoglio, da sempre impegnato nel propagandare l’azione delle Ong e in particolare di quella dei centri sociali. […]

Commenta