Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 ott – “Questo non è giornalismo di inchiesta così come lo si vuol definire. È piuttosto il frutto di una vera e propria attività investigativa, sottratta a qualunque forma di controllo dell’Autorità Giudiziaria ed alle regole che presidiano la genesi e lo sviluppo delle vicende processuali”. Così l’Unione delle Camere Penali (Ucpi), prestigiosa organizzazione che rappresenta gli avvocati penalisti italiani, stronca l’inchiesta di Fanpage.



Gli avvocati penalisti stroncano il metodo utilizzato da Fanpage

Il documento dell’Osservatorio sull’Informazione Giudiziaria, Media e processo penale, pubblicato sul sito delle Camere Penali, è una staffilata contro il modus operandi attuato per portare avanti l’indagine giornalistica andata in onda giovedì scorso durante la puntata di Piazzapulita su La7.

“Siamo giunti ad un crocevia estremamente pericoloso, nel quale le persone sono offerte in pasto all’opinione pubblica sulla base di informazioni raccolte nel corso di una vera e propria ‘indagine privata’, che addirittura precede e ‘genera’ la vicenda procedimentale propriamente intesa”, scrivono i penalisti. E ancora: “Un’indagine che non conosce termini da osservare, autorizzazioni da chiedere, contraddittori da rispettare, che si avvale dei mezzi più invasivi della privacy, di intercettazioni ambientali, telecamere nascoste e agenti provocatori, i cui risultati vengono divulgati senza alcun controllo. Altro che direttive sulle conferenze stampa, garanzie e presunzione di innocenza”.

“Nuova pericolosa frontiera del processo mediatico”

Secondo Ucpi “siamo dunque al cospetto di una nuova pericolosa frontiera del processo mediatico, che non possiamo non segnalare, perché essa è posta oltre confine ed è in grado di oltrepassare qualsiasi limite, tra quelli finora ipotizzati dal legislatore, al fine di salvaguardare il principio della presunzione di innocenza”.

Dunque secondo i penalisti italiani “se non si porranno sanzioni effettive alla violazione del segreto istruttorio e limiti alle interpretazioni estensive delle norme sovranazionali in contrasto con la nostra costituzione (come del resto è accaduto in tema di mafia e di prescrizione), il ‘giornalismo d’inchiesta’ si sostituirà alla magistratura inquirente, con l’unico impellente target di raggiungere lo scoop, senza trovare alcun freno inibitore, neppure le sanzioni penali”. Perché “oggi è successo ad un partito politico, domani potrà accadere ad altri schieramenti, ed ancor peggio, a qualsiasi cittadino, al di là della personale visibilità o notorietà”.

Alessandro Della Guglia



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

    • I sinistri può.

      Io sono controllato da anni, mi venivano a suonare a casa e quando gli ho scritto che ero stanco di violazioni dell’art. 15 Costituzione finalmente compreso che il campanello recava disturbo… per non incomodarmi mi hanno mandato una lettera minatoria 😀

      Sono perdenti che non sanno perdere con coperture molto buone quindi possono svolgere anche vere e proprie indagini che non dovrebbero essere possibili senza ordine di un Magistrato violando qualsiasi legge.

      E certa gente anche se messa agli arresti domiciliari per mesi senza delinquere e senza processo addirittura li vota ancora 🙁

  1. Mi chiamo SILVIA SCALI e sono una badante. Noto che in questo momento sono come il più felice. Vengo a testimonianza di un prestito tra privati che ho appena ricevuto. Ho ricevuto il mio prestito grazie al servizio del Sig. Pierre Michel. Ho iniziato le procedure con lei venerdì scorso e martedì 11:35 poiché le banche non lavorano il sabato, poi ho ricevuto conferma che il bonifico dell’importo della mia richiesta di 50.000€ mi è stato inviato sul mio conto e avendo consultato il mio conto bancario molto presto, con mia grande sorpresa il trasferimento è andato a buon fine. Ecco la sua e-mail :  combaluzierp443@gmail.com

    Ecco la sua e-mail :  combaluzierp443@gmail.com

Commenta