Il Primato Nazionale mensile in edicola

Prato, 4 ott – Sorpreso a spacciare eroina in un parco, sotto gli occhi dei bambini che affollavano scivoli e altalene. E’ successo a Prato, in uno spazio di verde pubblico attrezzato con giochi per bimbi. Una telefonata anonima, effettuata alla centrale operativa del comando provinciale dell’Arma di Prato, aveva segnalato la presenza di un immigrato di origine africana in atteggiamenti sospetti. Un signore, qualificatosi come nonno di uno dei bimbi che frequentano i parco, avrebbe allertato i militari segnalando la presenza di un uomo di colore, che in pieno giorno vendeva dosi di stupefacente a breve distanza dall’area giochi, senza curarsi della presenza di piccoli e piccolissimi utenti del parco.

I carabinieri hanno subito fatto scattare le operazioni di monitoraggio in borghese che hanno consentito poi l’arresto in flagranza di reato dell’uomo, un nigeriano di 31 anni senza fissa dimora ma precedentemente domiciliato in Umbria. Lo spacciatore riforniva i propri clienti dopo essere stato contattato telefonicamente, poi si recava in bicicletta lungo una strada secondaria che costeggia il perimetro del parco. E proprio qui si accostava alle auto dei clienti, completando le operazioni di compravendita della sostanza. Proprio l’andirivieni di automobili aveva destato sospetti nel nonno della bimba. Dopo il sequestro delle dosi di stupefacente, il 31enne è stato tradotto dai militari presso il carcere della Dogaia, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta