Il Primato Nazionale mensile in edicola

Salerno, 8 ott – Nel nome della «salute» si può diventare aguzzini, poco importa che le vittime siano gli studenti minorenni della classe in cui si insegna. I disegni degli arcobaleni, i cori delle ore 18, gli «andrà tutto bene» e il «ne usciremo migliori» dei mesi del lockdown non avevano fatto i conti con la natura umana, l’esasperazione e soprattutto l’assorbimento di messaggi apocalittici subìto dagli italiani, bombardati di continuo da notizie tremende e mistificate sul virus. Se a questo ci aggiungiamo le frustrazioni personali di ogni individuo – pronto a sfruttare il clima di «emergenza» per farlo diventare un’occasione di riscatto sociale – ed ergersi a delatore, tutore dell’ordine o addirittura punitore si arriva a casi come quello accaduto a Salerno ieri.

L’aggressione

E’ diventato immediatamente virale un video, diffuso dagli alunni di una classe dell’istituto artistico di Teggiano, in cui un professore schiaffeggia istericamente un alunno arrivando anche a prenderlo per i capelli. Motivo? Secondo quanto è emerso dai racconti dei testimoni, l’insegnante avrebbe voluto punire lo studente perché quest’ultimo si era rifiutato, protestando, di indossare la mascherina seduto al proprio banco. L’episodio si è verificato nella tarda mattinata di ieri. La scena è stata ripresa di nascosto dagli allievi da due angolazioni differenti. Nel filmato si sente chiaramente il professore dire «Sbagli tu e sbaglio pure io».

Sempre gli studenti testimoni, stando a quanto riporta il Corriere, hanno riferito che l’inammissibile reazione del professore sarebbe scaturita da una discussione tra l’alunno e il docente circa l’opportunità o meno di di indossare i dispositivi anti coronavirus in classe. Il ragazzo sosteneva che qualora si mantenga la distanza di un metro dal proprio compagno non sarebbe necessario indossare la mascherina. Da qui la reazione del professore. Sul fatto indagano i carabinieri della compagnia di Sala Consilina.

Cristina Gauri

3 Commenti

  1. Questa è la dittatura sanitaria di Conte. Per il bene della scuola e degli alunni questo professore andrebbe bandito a vita; per il bene dell’Italia questo governo andrebbe cacciato immediatamente

  2. Speriamo che standogli così vicino e “toccandolo” ripetutamente, il professore si sia beccato il virus del quale vuole tanto impedirne la diffusione.

  3. I discenti NON dovrebbero fare filmati in classe !!!! PUNTO .
    Che il professore abbia sbagliato è indubbio .. ma la scuola NON è il Grande Fratello ! E voglio sperare che
    SignorinA stia zitto anziché sproloquiare come nel GF ….

Commenta