Rimini, 29 ago – Ormai non si contano più le violenze sessuali perpetrate da immigrati in Italia. Episodi vergognosi mai però abbastanza stigmatizzati come tali. L’ultimo caso a Rimini, dove una turista danese di 26 anni è stata stuprata da un ambulante senegalese venditore di rose. Si, proprio il classico abusivo apparentemente pacioso che stavolta nascondeva il volto del violentatore. Seriale oltretutto. Perché il 37enne del Bangladesh fermato dalle forze dell’ordine era recidivo, denunciato già tre volte per violenza sessuale eppure ancora a piede libero.

L’immigrato era stato infatti accusato dello stesso reato, due volte da due ragazze maggiorenni e una volta da una minorenne. Stamani il Gip del tribunale di Rimini ne ha convalidato il fermo. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, alle 5.30 di domenica l’uomo, aggirandosi in viale Regina Margherita ha notato la 26enne danese camminare da sola, in direzione del proprio albergo. Il bengalese, in sella a a una bici, dopo averle fatto qualche complimento, le si è avvicinato e per poi aggredirla. Soltanto le urla della ragazza lo hanno messo in fuga.


Alessandro Della Guglia

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here