Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 14 gen – Sono spuntati questa mattina a Roma e dintorni alcuni striscioni in ricordo di Ashli Babbitt, la veterana dell’Air Force uccisa con un colpo di pistola in petto il 6 gennaio scorso durante l’assalto al Congresso Usa. “Ashli Babbitt: femminicidio tollerato?” e “Ashli Babbitt: non è una di meno?”, questo il testo apparso sugli striscioni.



Gli striscioni affissi a Roma – Foto

Ashli Babbitt “alcune morti sono meno social di altre”

Sui social girano le immagini degli striscioni per Ashli Babbitt accompagnate da questa didascalia: “Alcune morti sono meno social di altre e meno adatte alla retorica globalista. Se a morire è una donna bianca che lotta per la propria fede non vedrete mai le suffraggette del femminismo strapparsi i capelli. Né i titoloni sui giornali mainstream. Era una moglie e una veterana, amava il suo Paese: una figura non adatta all’idea della donna contemporanea che vogliono trasmettere”.

Black Brain

Oltre gli striscioni: fuori dal coro Enrico Ruggeri e pochi altri

Gli striscioni dunque sostengono che l’uccisione della donna da parte della polizia non abbia avuto il dovuto risalto mediatico. Né è stata in grado di generare indignazione come la morte di George Floyd, il caso che ha causato mesi di proteste violente di Black lives matter. In Italia poche voci fuori dal coro hanno sottolineato la differenza di trattamento. Tra questi Enrico Ruggeri che ha detto “spero che qualcuno si inginocchi per lei”, mentre il solito Saviano ha bollato i manifestanti pro Trump come “bianchi privilegiati”. 

Davide Romano

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. concordo con ruggeri….
    la sinistra è incommentabile,spero che abbiano un inferno privilegiato e dedicato solo a loro.

    e saviano non lo considero nemmeno più un essere umano:
    spero che gli venga un crampo e non riuscendo più a nuotare…
    sparisca sotto il letame fangoso in cui sguazza.

Commenta