Roma, 17 ott — La vittoria del centrodestra alle ultime elezioni è stata una vera e propria manna per Rula Jebreal. Dalla mattina del 26 settembre non ha perso occasione per cavalcare l’onda del fantomatico «pericolo fascista-razzista» sorta con l’arrivo delle «armate delle tenebre» meloniane, nel tentativo disperato di guadagnare uno straccio di rilevanza mediatica. A sforzarsi troppo, però, Rula se l’è fatta addosso più di una volta, anzi l’ha fatta direttamente fuori dal vaso, a suon di vittimismi, fake news e bordate di un incredibile cattivo gusto che le costeranno pure la querela della leader di FdI.

La Jebreal specula sulla Egonu

Vigile come un condor alla perenna ricerca di una notizia da sciacallare, Rula Jebreal non poteva di certo farsi scappare le dichiarazioni della Egonu sul suo possibile — anche se improbabile — addio alla nazionale di pallavolo a causa di presunte domande, non gradite dalla pallavolista di origine nigeriana, sulla sua nazionalità. La telenovela che ha coinvolto la Egonu ammorbando a tutti il fine settimana è ormai nota, ma la riassumiamo brevemente.

La sceneggiata della Egonu

Sabato pomeriggio, al termine della partita con cui l’Italvolley si è guadagnata una medaglia di bronzo ai Mondiali, è circolato un video che immortalava lo sfogo della sportiva con il suo procuratore: «Mi hanno chiesto anche se sono italiana… Questa è la mia ultima partita in nazionale, sono stanca». Una Balotellata vittimista in piena regola che però le è valso il plauso e il sostegno dell’Italia antirazzista — che non vedeva l’ora di poter cavalcare il tema razzismo con ‘sto po’po’ di vip a fare da testimonial — arrivando a scomodare persino Draghi che ha telefonato personalmente alla pallavolista per rincuorarla. Sul piagnisteo della Egonu la Jebreal si è buttata in picchiata.

Il tweet delirante

L’occasione di collegare il nome del «fascistone» La Russa alla sceneggiata napoletana della Egonu era troppo ghiotta. «Dopo che il governo di estrema destra ha confermato un razzista (che sosteneva i neonazisti) come speaker of the House [del Senato]… L’eroina sportiva italiana #PaolaEgonu ha lasciato la nazionale, spiegando in lacrime che la sua decisione è stata guidata dal razzismo: le chiedevano regolarmente se fosse una ‘vera italiana’», ha scritto Jebreal su Twitter. Parole in libertà: forse sarebbe il caso di inaugurare una rubrica dedicata ai deliri della pasionaria israeliana dalla fervida immaginazione. O forse sarebbe meglio abbandonarla totalmente a sé stessa, nell’irrilevanza che le spetterebbe.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Con personaggi come la Sig.ra Jebreal bisogna fare come con i matti. Risponderle “certo, certo, ma calmati, va tutto bene”.

Commenta