Il Primato Nazionale mensile in edicola

Napoli, 23 gen  – L’incontro nazionale delle sardine ha trovato il suo posto ideale: Scampia, periferia “difficile” di Napoli. Le date prescelte per il congresso sardinorum sono il 14 e 15 marzo.

“Scampia quartiere giovane”

“Scampia è uno dei quartieri più giovani, uno dei tanti luoghi che hanno vissuto una demonizzazione mediatica che non riflette appieno la realtà” dice Mattia Santori all’Ansa: il leader delle sardine è reduce dalla pessima figura fatta come ospite da Floris nel faccia a faccia col giornalista Sallusti.

Un bagno freddo al Papeete

Le sardine sabato, intanto, hanno comunque deciso di tornare al loro habitat, ovvero il mare. Si troveranno infatti al Papeete Beach famoso per essere stato il “ministero estivo” del leader della Lega Matteo Salvini. Si tratterà a quanto pare di un flashmob intitolato “I politici in Parlamento e le sardine al mare”. Santori e i suoi si vedranno a Milano Marittima (Ravenna), alle 12, per fare un bel bagno ghiacciato. “Era giusto fare la prima mossa per vedere se i politici sarebbero tornati nel proprio habitat a fare il loro lavoro quel fantastico mondo chiamato Parlamento in cui si diceva fossero addirittura pagati: un habitat a pagamento” scrivono su Facebook le sardine, secondo quanto riporta Il Giornale.

Valtancoli (Papeete): “Noi non ci saremo”

Dal canto loro, quelli del Papeete Beach hanno già fatto sapere che non ci saranno: ”Noi non ci saremo perché siamo in tour promozionale in altre località turistiche, quindi non li accoglieremo: il Papeete è chiuso”  ha dichiarato Marco Valtancoli, direttore del Papeete Beach di Milano Marittima al programma Un Giorno da Pecora su Rai Radio1. ”Mi sembra un’idea molto fresca fare il bagno in questo periodo. Penso che si congeleranno. L’acqua è a 8-9 gradi” continua Valtancoli parlando del flashmob marittimo. “Consiglio di fare il bagno se se la sentono, ma io non lo farei. Non capisco molto di politica ma fare il bagno al mare d’inverno mi pare una grande stupidaggine”.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

  1. Basta una occhiata per capire che non sono delle aquile, ma qui si è in odore di TSO, mah? speriamo in una onda anomala.

Commenta