Il Primato Nazionale mensile in edicola

Torino, 30 lug – Continuano senza sosta furti, violenze e spaccio commessi da immigrati, ormai all’ordine del giorno in ogni città italiana, in particolar modo nei grossi centri, sedi di vere e proprie enclave di criminalità e degrado legate alla presenza di clandestini. Torino non fa di certo eccezione. 

Poteva finire come le tante storie di ordinario degrado anche la brutta avventura capitata ieri a una donna di 70 anni, ma stavolta, grazie al coraggio del proprietario di un negozio, la conclusione è stata differente. La signora stava scendendo dalla propria automobile per recarsi agli uffici Inps accompagnata dalla nipote, quando un immigrato tunisino l’ha avvicinata e le ha strappato dal collo una collanina, per poi darsela frettolosamente a gambe.

Per fortuna, stavolta, qualcuno non è stato solo a guardare ma ha deciso di essere parte attiva. Di ribellarsi allo stato attuale delle cose che vede onesti cittadini relegati perennemente al ruolo di vittime incapaci di reagire. L’uomo, infatti, dopo aver visto il rapinatore mentre si dava alla fuga, ha deciso di intervenire immediatamente e di inseguire l’immigrato per provare a bloccarlo, venendo subito imitato da altri cittadini. Dopo un lungo inseguimento, all’altezza della Stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova l’uomo è riuscito ad affiancare lo straniero e fermarlo. Subito dopo, sul posto sono sopraggiunti numerosi mezzi della polizia allertati dai testimoni.

La collanina è stata recuperata e restituita alla donna che ha subito il furto ed era stata portata in ospedale per un controllo. Immediate le reazioni dei residenti che hanno urlato così la loro rabbia: «Non ne possiamo più, siamo veramente stufi. Così non si può andare avanti, abbiamo sempre timore che accada qualcosa».

Cristina Gauri

1 commento

  1. Finalmente un tentativo di risveglio da parte di chi si ricorda che a parte delle Donne e dei tantissimi “femminucce” esistono anche gli uomini in Italia o perlomeno mi Auguro che ce nè siano ancora.

Commenta