Roma, 4 lug – Tragedia in Val d’Aosta dove due alpiniste trentenni sono morte assiderate sul Monte Rosa. Le due donne, piemontesi, erano rimaste bloccate ieri sulla montagna a causa del maltempo a oltre 4mila metri di quota, sotto la vitta della Piramide Vincent. Avevano chiamato i soccorsi nel momento in cui hanno capito di non avere alternativa, bloccate e in seria difficoltà.

Monte Rosa, due trentenni morte assiderate, un alpinista sopravvissuto

Le squadre del Soccorso Alpino sono immediatamente partite dal rifugio Mantova a piedi e sono salite per tutta la notte, trovando però le due trentenni già in fin di vita. Una scalatrice è deceduta pochi minuti dopo l’arrivo dei soccorritori, mentre l’altra è stata portata al rifugio Mantova dove il medico ha tentato – purtroppo inutilmente – di rianimarla. Con loro c’era anche un uomo, sopravvissuto, che ha riportato gravi congelamenti alle mani. E’ stato trasportato in elicottero in Svizzera.

 

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. chi ama il pericolo in esso perisce ma dico io come caxxo vi viene in mente di andare a 5 mila metri di quota

Commenta