Roma, 16 ott – Grida, botte, sprangate e colpi di catena. Attimi di paura a Roma in via della Casetta Mattei, immortalati in un video rilanciato dal profilo Twitter di Radio Savana e diventato immediatamente virale. Il filmato vede un diverbio, trasformatosi in pochi attimi in una rissa furibonda, tra un gruppo di italiani e uno di rom che si sono affrontati nel bel mezzo della trafficatissima via a colpi di bastonate e pesanti catene.

Il video mostra quello che sembrerebbe un regolamento di conti in piena regola, con i contendenti – circa una decina di persone – impegnati a menare colpi incuranti del traffico e degli avventori del bar antistante il luogo della rissa. Scrive Radio Savana nella didascalia del video: «Arricchimento culturale a Roma: risorse rom (come da audio) assaltano con bastoni e catene un gruppo di italiani, le prendono e poi scappano via. In Italia per colpa della peggior sinistra della storia regna il caos».

Il gruppo di contendenti di etnia rom – vista la mala parata – è risalito in gran fretta sulla vettura ed è fuggito dopo aver tamponato intenzionalmente una Smart. «Zingari de mer*a!» è il grido degli italiani che inveiscono verso l’auto mentre questa si sta allontanando. Secondo quanto riportato dal Messaggero, allertate da numerose chiamare sono poi intervenute le volanti del commissariato Monteverde e della polizia di San Paolo.

https://twitter.com/RadioSavana/status/1316440567853854720

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteCuffie true wireless cosa sono e quali scegliere
Articolo successivo“Che hai visto il prof?”. La protesta futurista del Blocco Studentesco nelle scuole italiane
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

5 Commenti

  1. Attività educativa da incrementare, per favorire la (dis)integrazione di stì parassiti, coccolati e allevati dai sinistri!

  2. tutto normale e ovvio.
    il sonno della ragione genera mostri,si è sempre saputo:
    e il sonno della giustizia genera rabbia e desiderio di vendetta,
    che non si rivolgono più alla giustizia che dorme,per aver soddisfazione.
    quindi conviene abituarsi allo spettacolo,
    perche diventerà prassi comune e anche presto.

Commenta