Roma, 21 ott – La Cappella Cornaro, sita nella Chiesa di Santa Maria Vittoria (Roma) ha appena visto terminare i suoi lavori di restauro. E il risultato è sfavillante.



Cappella Cornaro, il restauro

Il restauro completato della Cappella Cornaro, appena comunicato dall’ANSA, parla di interventi “costati 100 mila euro”. “I lavori di ripulitura e consolidamento, che per la prima volta hanno riguardato l’intera cappella di questa chiesa di proprietà del Fondo edifici di culto, si sono conclusi in 7 mesi, sottolineano presentandolo alla stampa la vice prefetto Concetta Staltari e la soprintendente Daniela Porro, affidati alla competenza di Giuseppe Mantella e guidati dalla funzionaria Mariella Nuzzo.”

La cappella, celebrata dai contemporanei per l’impatto suggestivo che trasmette, è caratterizzata dalla presenza di Santa Teresa d’Avila, scolpita in mardo di Carrara, mentre si contorce trafitta dall’amore divino.

L’opera del Bernini e i risultati del restauro

“I risultati sono sorprendenti, con particolari nascosti che tornano alla luce, dai 4 riquadri in stucco dorato con i momenti clou nella vita della santa, fino all’affresco con la raffigurazione dell’Empireo che la attende, ripulito da uno strato dal nerofumo che ne offuscava i colori fin dal 1833, l’anno in cui un incendio quasi distrusse la chiesa.”

Il lavoro sulla Cappella Cornaro ha permesso di svelare anche alcune tecniche utilizzate dal Bernini. La soprintendente al restauro, Daniela Porro, dichiara: “Qui il Bernini chiama a concorso tutte le arti allestendo una vera e proprio scena teatrale”.

Ora la sfida vera sarà, come sempre, la manutenzione. Nel 2015 l’ultima ripulitura della chiesa all’esterno, ma lo smog è implacabile, e il gruppo scultoreo centrale deve essere di nuovo curato.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta