Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 13 mag – E’ bastato un breve commento su Facebook per scatenare sul profilo di Nadia Riva, storica femminista meneghina, il putiferio. Un cortocircuito politicamente corretto che mette a nudo tutte le contraddizioni e i limiti logici in seno ad un certo femminismo, quello di personaggi come Jasmine Cristallo, i giornalisti di Tpi o l’attivista Lgbt Cathy La Torre, che difendono a spada tratta la libertà delle donne anche quando, forse, si è davanti ad una vittima di plagio, come Silvia Romano.

Riva: “Una donna in un sacco della differenziata”

“La struggenza di una donna sorridente in un sacco verde della differenziata” ha scritto ieri Nadia Riva, femminista storica di Milano nonché una delle fondatrici negli anni Ottanta del circolo femminista e radicale Cicip & Ciciap. Ma gliene incolse: “Struggente è avere paragonato un abito, che è indossato da donne di altra cultura e tradizione religiosa, associandolo alla”differenziata “e dunque dando un accezione offensiva e dispregiativa… Spesso il razzismo esce fuori anche quando lo si vuole celare dietro termini inadeguati quale ‘struggente’, però non ci riesce… Sei stata molto squallida e inopportuna, ma almeno ti sei svelata…” le scrive qualcuno. Ma la Riva ha già reso bene il suo concetto in un altro commento: “Questa ragazza riesce a sorridere nonostante la violenza subita di un rapimento e non sappiamo cos’altro, la sua sottomissione dovuta alla paura, le fa indossare un abito goffo, voluto dai rapitori, per cancellare il suo corpo,la sua identità di donna..per me questo é struggente”, ribadisce la femminista di ferro. Ma niente da fare: il post ha scatenato centinaia di commenti indignati, tutti di donne, che si congedano dicendo che rimuoveranno la Riva dalle amicizie, che il suo “non  femminismo”, un tripudio di asterischi.

Razzismo o femminismo

E a chi le chiede polemicamente se il problema sia l’abito, la Riva risponde perentoria: “L’abito é simbolico di un corpo di donna nascosto, che si vuole cancellare“. Insomma, la Riva pare coerente a un certo femminismo occidentale che, con tutti i suoi limiti, ha voluto difendere il corpo della donna dall’influenza religiosa – di qualsiasi tipo. Ormai, però, è evidente che la platea petalosa delle femministe alla vaniglia della terza ondata, quelle che accusano gli altri di essere biechi analfabeti funzionali, non è in grado di discernere cosa sia un commento razzista da un commento (tranchant, questo è vero, senza giri di parole) come quello della Riva. Siamo la civiltà in cui, per non pestare i piedi a nessuno, non si proferisce più neanche l’ombra di un’offesa. In questo mondo, nemmeno tra femministe riescono a capire che il commento della Riva – donna sicuramente di un’altra generazione – non è un insulto alla Romano ma verso gli estremisti islamici di Al Shabaab che in due anni di prigionia l’hanno forse condizionata a fare questa scelta. “Ormai vige il politicamente corretto femminista”, scrive qualcuno nei commenti. Perché ora come ora “Odiare ti costa”, ma il concetto di odio si piega e si ritorce persino contro i “buoni”. Non si può non essere d’accordo – anche se d’accordo con loro, in fondo, non saremo mai.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. L’ odio è un sentimento IMPORTANTE , da riservare ad un nemico che comunque rispetti ……
    per i PETALOSI provo solo “disprezzo” !

    La Signora Riva ha espresso un concetto pienamente condivisibile ;
    per altro ai petalosi segnalo che il SACCO VERDE è la DIVISA delle
    TERRORISTE ISLAMICHE !!!!! non un semplice abito da Barbamamma
    in uso tra le donne delle zone islamiche …… COMUNQUE mortificante
    per la femminilità !!!!!

    Quindi , femministe di ‘sto cazzo che criticate la Signora Riva …. se una donna è costretta a vestirsi di merda da uomini ignoranti e musulmani
    (inutile ripetizione) a VOI STA BENE ??? sono i loro costumi ???
    solo voi potete vestirvi da TROIE e se violentate ,

    >ma noi ci vestiamo come vogliamo !!!!<

    ( a meno che sia un immigrato di MERDA …. allora SOLIDARIETà allo STUPRATORE … lontano da casa deve pure sfogarsi …. SI FACCIA UNA SEGA o PAGHI UNA MIGNOTTA !!!!)

    Fate pace col neurone che avete nel cranio VUOTO !

    La libertà vale SOLO per le donne OCCIDENTALI e BIANCHE ????
    Le altre si FOTTANO ????

    …. CAZZO poi sono io il razzista , xenofobo , fascista ( si , grazie !)

    E sull' abito della differenziata ….
    chi l' ha paragonato alla divisa delle SS HA RAGIONE , è una DIVISA da
    TERRORISTA !
    La sola differenza con quella delle Schutzstaffeln è che NON è stata disegnata da Hugo Boss …. infatti fa cAGARE …
    quella delle SS è BELLISSIMA , una delle migliori divise militari .

  2. se qualcuno è obbligato a convertirsi dal punto di vista religioso con la forza le minacce ed il ricatto, è normale che accetti. Però una volta sull’aereo che ti riporta in Italia tu butti via quell’orrendo sacco da immondizia e ti presenti a Ciampino vestito come tante persone della tua età e la cosa finisce lì. D’altronde se viaggi tutto il tempo e ti presenti a Ciampino vestito come vuole la religione alla quale ti sei convertito, ciò significa che la conversione non è stata forzata ma volontaria e quindi hai accettato la cultura di coloro che ti hanno rapito e che hanno ricevuto soldi di noi contribuenti italiani che spenderanno poi per finalità bellico-terroristiche. Per quanto mi riguarda “Aisha” può anche tornarsene in Somalia ma senza più cittadinanza italiana e senza poter rientrare in patria.

  3. Sono un italiano convertito all’Islam, da musulmano non esulto né altro per questa conversione alla fede musulmana di Silvia Romano, ma trovo inaccettabile il sindacare su un evento personale interiore insindacabile, per quanto maturato in un clima di detenzione terribile, per altro i musulmani, vorrei ricordare, sono le prime vittime dei jihadisti, Shabab incluso ,questa femminista si commenta da sé

Commenta