Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 22 feb – Il Futurismo ha appena compiuto 111 anni. Era infatti il 20 febbraio del 1909 quando dalle colonne del giornale francese Le Figaro Filippo Tommaso Marinetti diffuse il Manifesto del Futurismo. E a Milano questa ricorrenza è stata degnamente celebrata dai militanti del Blocco Studentesco.

“Siamo sfida alle stelle e avanguardia di stile”

Fuochi d’artificio, torce e uno striscione nella notte meneghina: “Siamo sfida alle stelle e avanguardia di stile“. “Abbiamo voluto” si legge nella nota diffusa dai militanti del Blocco Studentesco “portare avanti un’azione sopra le righe proprio per rompere quella monotonia e quella routine che abbruttiscono e addormentano questa società“.

Distruggere il politicamente corretto

“Oggi il cittadino modello è quello che non chiede, non si informa, non contraddice. E’ quello che applaude alle panchine arcobaleno e politicamente corrette che verranno istallate dal comune ma poi gira la testa davanti al degrado dei quartieri periferici, evidentemente troppo poco instagrammabili” continua la nota, criticando l’operato del sindaco dem di Milano Beppe Sala, troppo impegnato in cene ai ristoranti cinesi per scongiurare il rischio razzismo in conseguenza del coronavirus per occuparsi della sua città.  “Noi il politicamente corretto vogliamo distruggerlo” è la rivendicazione “e lo faremo partendo dalle scuole: la nostra marcia contro la società del conformismo è appena iniziata“.

Ilaria Paoletti

Commenta