Il Primato Nazionale mensile in edicola

“Io amo la grammatica, piuttosto che la cucina vegana, piuttosto che andare in monopattino, piuttosto che…”. E via elencando. Una frase con una bugia di fondo grossa come una casa: chi parla così non ama la grammatica. Per niente. Infatti l’espressione “piuttosto che” non è sinonimo di “oppure”. Non si può utilizzare negli elenchi, perché significa “invece di”. E invece si sa, chi ama la cucina vegana, presumibilmente ama il monopattino, il frisbee, il pesce in scatola (non il tonno, ma quell* più lungh* e fin* che stanno nel Pd).



Parla l’Accademia della Crusca: “Piuttosto che” non significa “oppure”

E’ di oggi la notizia che l’Accademia della Crusca ribadisce sul suo sito web – in perfetto stile cruscante – usare “piuttosto che” con valore disgiuntivo, cioè nel senso di “oppure”, introduce “un’ambiguità, e quindi in un certo senso aumenta l’entropia della grammatica italiana per usare un termine della fisica”. A dirlo, nella fattispecie, è Marco Biffi, docente di Linguistica italiana all’Università di Firenze e responsabile web dell’Accademia della Crusca. L’occasione è il lancio della nuova canzone didattica, dal titolo appunto Piuttosto che, di Lorenzo Baglioni, che non è parente di Claudio ma è un cantante, attore e professore di matematica. Dopo Il congiuntivo e L’apostrofo, il Baglioni toscano (da non confondersi con quello romano, ben più celebre ma di certo meno didattico) sforna una nuova canzoncina, che qui sta per canzone-lezioncina.

La canzoncina che fa bene all’Italiano

Messaggini, whatsappini/Scritti peggio dei bambini/Le faccine, i sorrisini/Ma l’apostrofo è un miracolo se lo indovini…“, cantava con immensa ragione. Nel nuovo pezzo (feat. Il pedante), ora canta: “‘Piuttosto che’ è una locuzione congiuntiva/Prima di un’avversativa o comparativa/Ma c’era tanta gente che lo utilizzava/ Con accezione disgiuntiva e non se ne curava/Ma quest’uso è fortemente deprecato/Oltre che semanticamente deviato/Ecco l’errore che facciamo nel parlato: “Amo, potremmo andare in centro, piuttosto che al cine, piuttosto che al mercato”. Musica per le nostre orecchie, noi che per gli anglofoni saremmo tutti grammar nazi. Ma il punto purtroppo è che non siamo severi noi, con la grammatica, ma sciattissimi un sacco di italiani.

Un abominio che si ripete da anni

E la nostra sublime lingua è bistrattata ormai da tanti, troppi anni. Come dimenticare l’età oscura dell’attimino? Persino al telefono con i pezzi grossi ti capitava di sentire “un attimino e sono da lei”. Per non parlare della sua versione ancora peggiore: secondino. Ad ogni ascolto balenava nella mente l’ergastolo ostativo per crimini contro l’Italiano. Maiuscola, come la materia. Ebbene, questa nostra rubrica sberleffa senza pietà e pudore la gente dell’internet, dei vocali infiniti che poi finiscono in “aspetta che ora ti chiamo e ti dico meglio”. A maggior ragione quindi sfotte la gente del “piuttosto che” usato ad mentula canis (nell’idioma corrente: a cazzo di cane). Pertanto Tutti ne parlano (a sproposito) soltanto per oggi è rinnovellata in Tutti lo dicono (a sproposito).

Galeotto fu l’elenco di Milano…

Non per fare discriminazione geografica, ma “piuttosto che”, nato come “più tosto che”, è fiorentino del Dugento. Ma è diventato un misero “oppure” di recente nel nord Italia, negli elenchi dalle parti di Milano. Ecco, piuttosto che accettarlo come forma neologistica ci diamo all’esperanto. Poveri noi.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Bravo A. Spezzaferro da chi si è succcccato tanti “cioè”, “problemi e problematiche”, “cosa”… da rimaner rintronato davanti agli apostrofi! Un sentito grazie, nel mio piccolo, ai correttori di bozze, ai traduttori, ai suggeritori competenti (quest’ ultimi davvero timidi,rarissimi).

Commenta