Roma, 6 mar – Lo scoppio del conflitto in Ucraina ha in breve tempo modificato anche la retorica di certo ambientalismo che aveva oppresso il dibattito mediatico e politico nazionale. Infatti, negli scorsi anni abbiamo assistito all’incrementarsi delle difficoltà e degli attacchi pubblici riversati su chiunque provasse a mettere in dubbio le istanze ecoliberal, denunciando le drammatiche ripercussioni che ci sarebbero state per imprese e lavoratori.

Altro che ambientalismo ecoliberal

Con l’arrivo della guerra si è immediatamente scoperta l’importanza dell’autonomia nazionale nel settore energetico, condizione necessaria per accrescere il proprio peso geopolitico, che passa anche per l’abbattimento dell’ideologismo malsano che ha impedito di attingere alla risorse utili per raggiungere il nostro fabbisogno. Esser passati in poche settimane dalla riconversione verde (che avrebbe lacerato industrie e posti di lavoro) all’intenzione di riaprire le fabbriche che utilizzano il carbone è un cambio di passo, ma allo stesso tempo indice dei danni compiuti in passato. Da decenni la sinistra italiana ostacola le iniziative che sarebbero fondamentali per arrivare all’indipendenza energetica, soprattutto le trivellazioni in mare adriatico e mediterraneo che avrebbero permesso l’estrazione del gas, evitando di doverlo importare da Paesi terzi.

Ragionando su tale aspetto si ottiene la beffa oltre al danno: nazioni più scaltre e meno obnubilate di noi come Croazia e Francia hanno sfruttato la nostra assenza in quei mari per estrarre gas e minerali utili al proprio rifornimento. Inoltre, la stessa Francia ha storicamente puntato anche sulle centrali nucleari per rifornirsi energeticamente, altro settore che noi abbiamo escluso per colpa dell’ideologismo. Pertanto, siamo dinanzi a un crocevia storico decisivo per i cittadini italiani: puntare su ogni fonte di energia possibile, oppure restare inermi dinanzi alla necessità di evitare un futuro dove l’ambientalismo gretino segnerà la miseria e il fallimento di interi comparti produttivi e lavorativi.

Tommaso Alessandro De Filippo

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Non capisco questo amore per il nucleare.

    Il 10% del fabbisogno energetico di Venezia per l’illuminazione pubblica è ricavato dall’energia elettrica prodotta bruciando i rifiuti della citta stessa nell’impianto di fusina.

    Possiamo usare biogas (anche m…a per produrlo) che produce sia elettricità sia acqua calda.

    Io vedo miopia super partes.

    Intanto come detto
    https://www.ilprimatonazionale.it/economia/sanzioni-prezzo-energia-effetti-devastanti-economia-italiana-225537/#comment-84147

    iniziamo a ridurre la dipendenza energetica usando le risorse che già abbiamo.

    Siamo nella m…a?

    Usiamola per produrre energia 😀

  2. Se questa guerra facesse fare un bagno di realismo a tanti sognatori non sarebbe stata completamente inutile. Se ci fate caso sono progressivamente spariti dai radar Greta, la fluidità di genere, l’uso dello schwa ed altre fantasie. Diciamo che probabilmente molti si renderanno conto che preoccuparsi che il mondo non arrivi alla fine del secolo non è significativo rispetto al rischio che non arrivi alla fine dell’anno e che ci sono cose più importanti e urgenti che “ricontestualizzare” lilly e il vagabondo o “Via col vento”

  3. Purtroppo gli ultimi anni hanno dimostrato che la maggioranza non è in grado di discernere caro gattogrigio, prende per oro colato tutto quello che gli viene proprinato
    https://massimosconvolto.wordpress.com/2020/03/21/boccalone-virus/

    che poi si scopre taroccato
    https://massimosconvolto.wordpress.com/2021/09/20/improbabile/

    come si era sempre sostenuto.

    Più che vivere nel mondo dei sogni sembrano decerebrati, finché non si estingueranno impossibile costruire un mondo migliore.

Commenta