Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1 mag – Confinamenti, misure restrittive, i colori delle regioni. E poi ancora le varianti, le ulteriori strette a livello internazionale. Un mix letale per le economie di mezzo mondo, in specie per quanto riguarda le piccole attività. Una botta di vita, al contrario, per i grandi della tecnologia. A partire da Amazon, i cui profitti volano letteralmente alle stelle.

Chi pensava che con il parziale allentamento delle misure restrittive il colosso fondato da Jeff Bezos potesse, anche solo in parte, frenare la propria crescita, rimarrà deluso. Amazon chiude infatti il primo trimestre con 8,1 miliardi di utile, il triplo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Battendo ampiamente anche le previsioni sul fatturato: il consensus degli analisti lo collocava a meno di 105 miliardi, quando supera agevolmente i 108.

Lockdown e concorrenza sleale spingono i profitti Amazon

Per quanto a macchia di leopardo, insomma, i lockdown continuano spingere all’insù i ricavi della multinazionale di Seattle. La pandemia è servita a modificare – forte in maniera definitiva, per quanto forzatamente – le abitudini di acquisto. Già nel 2020 i profitti si sono attestati oltre i 26 miliardi, più dell’intero triennio precedente. Se la tendenza dei primi mesi del 2021 dovesse consolidarsi da qui a dicembre, Amazon potrebbe battere un nuovo record.

Leggi anche – Amazon e gli altri: ecco quanto hanno guadagnato grazie al Covid le grandi multinazionali

Il tutto a spese del commercio di prossimità, impigliato in una concorrenza che definire sleale è usare un pallido eufemismo. A partire dal dato fiscale: Amazon ha pagato in Italia, nel 2019, meno di 11 milioni di tasse a fronte di un fatturato superiore al miliardo. Alla faccia dello scontrino non battuto dal bar o dall’idraulico (mascherato) che non rilascia la fattura. La parte del leone, da un anno a questa parte, la fanno però le chiusure indiscriminate: com’è possibile anche solo pensare di competere quando la tua attività è chiusa per legge?

Filippo Burla

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. nel 1997 gli agricoltori hanno bloccato Linate coi trattori, adesso bisogna bloccare tutti i magazzini di Amazon con le automobili. Magari riusciamo a farla chiudere.

Commenta