Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1 mag – A prima vista potrebbe sembrare strano che a Berlino e dintorni, dove tanto ha beneficiato dell’ingresso nell’euro e nell’Unione Europa, vi sia un partito come AfD che basa la sua campagna per le elezioni di settembre sui temi dell’uscita dall’Ue e del ritorno alla moneta nazionale. In realtà i sentimenti euroscetticismo in Germania sono in forte crescita: un sondaggio condotto dall’autorevole Allensbach Institute rivela una realtà molto diversa da quella “ufficiale”.



Come in altre nazioni europee, i tedeschi non sono affatto ad esempio soddisfatti di come l’Ue ha gestito la distribuzione dei vaccini. Solo l’8% ha dichiarato che la Germania abbia tratto benefici dagli acquisti condotti da Bruxelles, mentre il 46% dei rispondenti ritiene che la Germania non abbia ottenuto alcun vantaggio. Meglio non va per il presidente Von Der Leyen, per la quale solo il 15% dei tedeschi ha un’opinione favorevole.

L’euroscetticismo in Germania corre

Certo sarebbe facile pensare che l’euroscetticismo in Germania riguardi solo la questione dei sieri anti-Covid, ma così non è. Il 39% dei tedeschi vorrebbe infatti riportare in capo agli Stati nazionali le competenze oggi dell’Ue, mentre solo il 12% è convinto che sia giusto attribuire più poteri al consesso comunitario. Il 63%, inoltre, ritiene che l’Unione sia troppo burocratica e il 53% non vuole che i contribuenti paghino per saldare il debito degli altri Paesi.

Visti questi risultati, non sorprende che alcuni osservatori ritengano che sia una questione di tempo prima che la Germania esca dall’Ue. Le stesse attitudini ed inclinazioni erano presenti prima che la Gran Bretagna abbandonasse: AfD può giocare lo stesso ruolo che l’Ukip e il Brexit Party hanno avuto con la loro campagna. Al momento AfD può contare solo sul 10% dei consensi, ma questo non deve trarre in inganno. Essendo infatti l’unico partito euroscettico in Germania ha il potenziale di raccogliere voti da parte dell’elettorato scontento dell’Ue. Una base molto più vasta di quella che oggi appare.

Giuseppe De Santis

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta