Il Primato Nazionale mensile in edicola

alba dorataAtene, 21 mar – Il leader d Alba Dorata, Nikos Michaloliakos, e il capo della delegazione parlamentare del partito greco, Yannis Lagos, sono usciti dal carcere dopo essere stati arrestati, assieme ad altri 15 deputati di Chrisy Avgi e a 50 militanti, nel settembre del 2013.

Un tribunale greco ha infatti disposto la scarcerazione per decorrenza dei termini dei due leader politici: dall’arresto sono passati 18 mesi di carcerazione preventiva senza processo, che è il periodo massimo consentito dalla legge ellenica.

I giudici hanno fatti uscire Michaloliakos e Lagos previa il deposito di una cauzione di 125mila euro e l’obbligo dei domiciliari.

Il processo contro Alba Dorata inizierà il prossimo 20 aprile. Militanti e dirigenti del partito dovranno rispondere di una serie di accuse tendenti a dipingere il partito come una vera e propria associazione a delinquere.

Il processo parte dall’omicidio al Pireo del rapper greco antifascista Pavlos Fyssas, ma poi sono confluite nel procedimento le accuse più svariate, in un minestrone terrorizzante volto a dare una immagine diabolizzante del movimento.

Immagine che tuttavia non sembra aver influito sull’immagine che di Alba Dorata hanno i greci, dato che alle ultime elezioni, con tutta la dirigenza in carcere e senza più fondi al partito, Chrisy Avgi ha preso il 6,7%, diventando il terzo partito del paese dopo Syriza e Nea Demokratia.

Commenta