Roma, 30 nov – Chi sono i responsabili dei roghi in Amazzonia? Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, non sembra avere grossi dubbi: dopo aver puntato il dito sulle Ong, adesso accusa direttamente uno dei più noti attori del cinema. Bolsonaro non ha infatti mostrato dubbi, accusando Leonardo Di Caprio di aver “dato soldi per far bruciare la foresta”.

Prevedibile dunque l’ennesima bufera mediatica, dopo l’arresto, da parte della polizia brasiliana, di quattro volontari di Psa (Progetto Salute ed Allegri), una Ong nata ufficialmente con lo scopo di combattere la piaga dei roghi forestali in Amazzonia. In una conferenza visibile sul canale Youtube Folha do Brasil, Bolsonaro ha attaccato apertamente Di Caprio senza però fornire prove specifiche per dimostrare la colpevolezza del divo hollywoodiano. “Che bravo ragazzo questo Leonardo Di Caprio, non è vero? Ha dato soldi per fare bruciare la foresta amazzonica”, ha tuonato il presidente brasiliano.

Perché Bolsonaro accusa Di Caprio?

In pratica, secondo Bolsonaro, la fondazione ambientalista Earth Alliance, presieduta dall’attore statunitense, avrebbe devoluto ben 5 milioni di dollari a diverse associazioni ecologiste del Brasile. Bolsonaro ritiene che lo avrebbe fatto per lanciare una vera e propria “campagna internazionale“ contro la nazione sudamericana. Anche il figlio del presidente brasiliano (nonché deputato), Eduardo, ha lanciato, via Twitter, la stessa accusa rivolta dal padre a Di Caprio. Il parlamentare ha incolpato l’attore di aver accordato 300mila dollari ad alcune Ong che hanno “dato fuoco all’Amazzonia”.

Alessandro Della Guglia

4 Commenti

  1. Chi di spada ferisce, di spada perisce…
    Non ho il piacere di conoscere J.Bolsonaro, ma certo scemo non è!

  2. C’è scritto “ha finanziato gli incendi” non “ha causato gli incendi”!
    Qualcuno va aff, ma tu S.P. torna a scuola.
    (Bisogna sapere a chi si danno i soldi, come vengono utilizzati e non lavarsi la coscienza nell’ ignoranza).

Commenta