Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1 mar – Sale la tensione in Armenia. Decine di persone hanno fatto irruzione oggi in un edificio governativo della capitale Erevan. I manifestanti chiedono, in realtà ormai da diverse settimane, le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan. L’agenzia Interfax riferisce che l’irruzione odierna è avvenuta durante una più ampia protesta del ramo giovanile del partito di opposizione Dashnaktsutyun. Secondo uno degli attivisti anti-governativi, il blitz nella struttura – che ospita diversi ministeri – dimostra che “possiamo entrare in qualsiasi edificio governativo”.



La settimana scorsa Pashinyan ha parlato di tentato golpe. Dichiarando poi inaccettabile l’ingerenza dell’esercito nei processi politici e indicando come imperativo il mantenimento del potere nelle mani del popolo, nel pieno rispetto della Costituzione. Sta di fatto che l’Armenia è spaccata in due, tra sostenitori del premier e oppositori che ne chiedono a gran voce le dimissioni.

Black Brain

Il catastrofico esito della guerra in Nagorno-Karabakh è alla base della rabbia di chi contesta il governo guidato da Pashinyan. Quest’ultimo da giorni prova a giustificarsi per la netta sconfitta militare, e la conseguente perdita di territori a vantaggio dell’Azerbaijan, con la scarsa efficienza degli armamenti russi in dotazione all’esercito armeno. Una motivazione che ai manifestanti appare come una scusa inaccettabile.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta